Commenta

Stupor Mundi al Museo del
Bijou con la mostra 'Splendida
Persia, visioni nel Gioiello
'

Dal 25 novembre 2017 al 28 gennaio per la prima volta in Italia in mostra una selezione di gioielli che indagano la storia della Persia e l’influenza del suo fascino nel gioiello antico e contemporaneo e la sua eco nella grande bigiotteria italiana dagli anni sessanta del Novecento al III millennio.

CASALMAGGIORE _ All’interno del progetto Stupor Mundi, il 25 novembre alle 16 verrà inaugurata al Museo del Bijou “Splendida Persia, visioni nel gioiello”, mostra curata dalla storica e critica del gioiello Bianca Cappello e dalla designer iraniana Sogand Nobahar. Per la prima volta in Italia in mostra una selezione di gioielli che indagano la storia della Persia e l’influenza del suo fascino nel gioiello antico e contemporaneo e la sua eco nella grande bigiotteria italiana dagli anni sessanta del Novecento al III millennio.

Il percorso della mostra si snoda in 4 temi fondamentali:
 1) Un prezioso nucleo di gioielli e perle dell’antica Mesopotamia, provenienti da alcune tra le più prestigiose collezioni private in Italia, mostra gli antipodi di una cultura con i suoi simboli ed i materiali che sono alla base della variegata e millenaria tradizione persiana.
 2) La produzione di gioielli contemporanei di alcuni tra i principali designer di spicco iraniani che reinterpretano i temi ed i simboli fondamentali della tradizione persiana arabo- islamica ma anche zoroastrica e apotropaica popolare.
 3) Un’ inedita selezione di gioielli fantasia Made in Italy dagli anni ’60 al 2000 realizzati dai grandi nomi della bigiotteria italiana e ispirati all’iconografia, ai colori e alla poesia persiana.
 4) I gioielli concettuali di un gruppo di giovani talenti iraniani che, seguiti dalla prof. Filomena Stelitano all’interno del corso di Design del Gioiello dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, hanno realizzato opere di grande suggestione e forza vitale.

Il percorso espositivo è arricchito da una serie di scatti inediti tratti dal reportage documentario in Iran del fotografo Federico Wilhelm che analizza il paesaggio naturale, artistico e sociale dell’Iran contemporaneo nel particolare e delicato passaggio dalla radicata e millenaria tradizione alla contemporaneità.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti