Commenta

Ceramicarte e Fotocine
Casalasco: a Palazzo Ducale la
natura morta è più viva che mai

La collettiva di ceramiche e fotografie, che paiono poi quadri, molto più ricca rispetto a quella dell’anno scorso al Diotti, come ha spiegato Vitale, che ha voluto ringraziare Bruno Galafassi per l’aiuto prestato, viene ospitata nelle sale al piano terra di Palazzo Ducale sino al 7 gennaio 2018.

SABBIONETA – Senza nulla togliere al Museo Diotti di Casalmaggiore, che ospitò la prima edizione, stavolta Ceramicarte e Fotocine Casalasco hanno messo a segno un autentico colpaccio: la mostra dedicata alla natura morta, uno dei soggetti da sempre preferiti in storia dell’arte (si pensi al Caravaggio e ai Campi), qui declinata tra scultura e fotografia, è infatti approdata a Palazzo Ducale, uno dei gioielli della “città ideale” Sabbioneta.

La mostra, inaugurata davanti a una settantina di persone al Teatro all’Antica nei giorni scorsi da Santina Maldotti, alla presenza del sindaco sabbionetano Aldo Vincenzi, che ha ricordato che questa è la seconda esposizione con Ceramicarte nel giro di tre anni e mezzo, e dei due responsabili delle associazioni protagoniste, ossia il maestro ceramista Francesco Vitale per Ceramicarte e Tiziano Schiroli per il Fotocine, vive di 28 opere complessive, equamente divise: 14 sculture, di vario genere e con varie tecniche, e 14 scatti con un minimo comune denominatore, la natura morta appunto.

La collettiva di ceramiche e fotografie, che paiono poi quadri, molto più ricca rispetto a quella dell’anno scorso al Diotti, come ha spiegato Vitale, che ha voluto ringraziare Bruno Galafassi per l’aiuto prestato, viene ospitata nelle sale al piano terra di Palazzo Ducale sino al 7 gennaio 2018. Rappresenta anche – oltre che un’apprezzata commistione di generi artistici – una vetrina per due associazioni che da anni lavorano sul territorio: l’Associazione culturale “Ceramicarte” di Casalmaggiore, ormai ventennale, è nata proprio nel comune casalese per volontà del professor Francesco Vitale, che – dopo diversi premi internazionali – ha scelto di partecipare a sua volta all’esposizione di Palazzo Ducale. Il circolo fotografico “Fotocine Casalasco” è stato fondato invece nel 1966 da un gruppo di cittadini appassionati di fotografia e cinematografia e, come appuntamenti fisso, tra gli altri, organizza ad ogni novembre uno spazio espositivo per i suoi soci all’Auditorium Santa Croce, durante la Fiera di San Carlo.

Giusto citarli, gli espositori, uno per uno: per Ceramicarte, oltre al maestro Vitale, ecco Magda Ballerini, Elena Contesini, Gianni Federici, Giuseppe Ferrari, Brunella Finardi, Elena Finardi, Elisabetta Ghidini, Bianca Invernici, Isaia Lazzari, Maria Elisabetta Passeri, Renata Raschi, Massimiliano Valenti e Mario Viotto. Per Fotocine Casalasco invece, oltre del presidente Tiziano Schiroli, le foto sono di Carlo Balestreri, Davide Cavalli, Vincenzo Cerati, Manuele Dellanave, Cristian Favagrossa, Laura Giacomelli, Elena Magni, Anna Manfredi, Paolo Mangoni, Rita Ori, Vincenzo Raeli, Daniele Raschi e Giuseppe Storti. A proposito di Fotocine, Schiroli ha sottolineato il rinnovamento giovane del gruppo, grazie all’avvento delle nuove tecnologie digitali. Anche grazie a loro, la natura morta è più che mai viva.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti