Sport
Commenta

Dovizioso e Gramigni: campioni di solidarietà in pista per Mia a Rivarolo

“Sono molto contento di essere qua - ha detto Dovizioso prima di scendere in pista - . Non è sempre facile trovare tempo, anche a fine stagione, ma è giusto farlo non appena si può: e le condizioni atmosferiche ci hanno aiutato. Per beneficenza è sempre bello gareggiare”.

CIVIDALE (RIVAROLO MANTOVANO) – Ha fatto la fila come tutti gli altri, per iscriversi alla manifestazione “Motocross for Love”, organizzata dal circuito di Cividale Mantovano: ma non era uno come tutti gli altri, almeno per curriculum. In fila, ospite ormai quasi fisso del circuito virgiliano, c’era infatti Andrea Dovizioso, reduce dal secondo posto mondiale nella classe regina della MotoGp in sella alla Ducati e qui nelle vesti di appassionato di motocross. Non era l’unico campione del mondo (nel 2004 vinse la classe 125) presente a Cividale: oltre a Dovizioso ha gareggiato anche Alex Gramigni, che sempre nella classe 125 vinse nel 1992.

Nella foto Dovizioso in coda per le iscrizioni

Una bella giornata di sport e solidarietà, con le gare passate sotto la supervisione del direttore di gara Dennis Favagrossa: partecipazione a offerta libera e incasso interamente devoluto all’associazione “Il Sorriso di Mietta”, che raccoglie fondi per curare Mia, la bambina di Casalmaggiore che sta lottando contro una grave malattia e per la quale si stanno mobilitando tante associazioni del comprensorio Oglio Po e non solo. Oltre 100 gli iscritti in totale alla gara, divisa tra le categorie Mx1, Mx2e Over 40. Nel gruppo A della categoria Mx2 si sono qualificati alla finale A i primi 18 classificati; discorso identico per l’Mx2 nel gruppo B. Per quanto concerne l’Mx1, con 11 iscritti, la mattina di domenica si sono invece tenute le prove, mentre nel pomeriggio la finale assieme ai qualificati del gruppo B della Mx2. Presenti anche venti piloti nella classe Over 40.

Al di là dei risultati, che in una giornata del genere erano relativi, è stata una domenica apprezzata, con gli organizzatori che hanno ricevuto diversi complimenti. “Sono molto contento di essere qua – ha detto Dovizioso prima di scendere in pista – . Non è sempre facile trovare tempo, anche a fine stagione, ma è giusto farlo non appena si può: e le condizioni atmosferiche ci hanno aiutato. Per beneficenza è sempre bello gareggiare”. Soddisfatto anche Marco Zaffanella, presidente del circuito, per questa terza edizione di Motocross for Love, che in passato già aveva aiutato altre situazioni di difficoltà (quasi sempre a livello locale, ma non solo) o che richiedevano un contributo concreto. Il rombo dei motori non è mai stato un suono così dolce.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti