Commenta

Piadena: inaugurato l'eco
compattatore Chi ricicla
viene premiato [GALLERY]

Il macchinario per le bottiglie di plastica non va a sostituire la raccolta differenziata a domicilio, ma mira ad educare al rispetto ambientale e  a contribuire a tenere pulite strade e spazi comuni

PIADENA _ E’ stato inaugurato questa mattina in via Dosso l’eco compattatore per le bottiglie di plastica installato dall’amministrazione comunale in collaborazione con ASPM Soresina e Casalasca Servizi. Il macchinario, realizzato dall’azienda “Equaazione” di Adria, in provincia di Rovigo, non va a sostituire la raccolta differenziata a domicilio, ma mira ad educare al rispetto ambientale e  a contribuire a togliere dalle strade e dagli spazi comuni anche quei rifiuti che lì vengono incivilmente lasciati.L’eco compattatore di Piadena è il secondo presente in provincia di Cremona, dopo quello di Soresina. Per il Comune erano presenti il sindaco Ivana Cavazzini, l’assessore ai lavori pubblici Fulvio Notari, l’assessore all’istruzione Marica Dall’Asta, l’assessore allo sport Maurizio Bastoni e i consiglieri Andrea Cantoni, Vincenzo Di Fonzo e Andrea Volpi. Per ASPM Soresina era presente Emanuele Cannizzo e per Equaazione Francesco Chiebao. “A rappresentare” la finalità di educazione civica del dispositivo installato nell’ambito del progetto “Tu ricicli io ti premio”, un gruppo di bimbi della scuola primaria piadenese che ha voluto subito sperimentare di persona la novità. Il concetto che sta alla base della eco compattatore è quello della raccolta “premiante”. Chi porta a far “ingoiare” dalla macchina compattatrice la plastica, riceve, a propria scelta, o sconti sulla Tari o negli esercizi commerciali aderenti. E’ in questo scambio “bottiglia di plastica – buono sconto”, nell’equazione “riciclare = convenienza/risparmio” la peculiarità del dispositivo.
Come funziona: Basta mettere la bottiglia vuota (da 1/2, 1, 1,5 o 2 litri) nel cestello (togliendo il tappo e inserendolo nell’apposito foro), tirare la maniglia verso di sé per farla scivolare all’interno, selezionare sullo schermo (touch screen) il tipo di sconto desiderato, avvicinare la propria tessera sanitaria al lettore ottico, premere il tasto per stampare i coupon e scontrino Eco Punti che il gioco è fatto. L’utente attraverso il proprio codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria viene così identificato e può accumulare “sconti”. Se non si vuole portare nessuna bottiglia (quelle di plastica per l’acqua, ma anche i contenitori per i detersivi, purché vuoti) ma solamente sapere il proprio “bottino”, basterà solo avvicinare la tessera al lettore ottico. La macchina infatti è collegata via web ad un server centrale che archivia tutti i dati relativi alla raccolta. Per prevenire atti vandalici, l’eco compattatore è posto nel raggio d’azione delle telecamere di video sorveglianza. Inoltre la sera è ampiamente illuminato da luci al led.Per il momento a livello di scontistica, gli utenti potranno scegliere tra il risparmio sulla Tari, sui prodotti del gruppo ASPM e quelli della Coop. L’amministrazione e le aziende già coinvolte si augurano però che presto si aggiungano presto i commercianti del paese. Per aderire basta solo contattare il Comune. A Soresina l’eco compattatore pare abbia sconfitto presto anche i più scettici. Anche a Piadena si augurano la stessa cosa: “Crediamo che con questo progetto denominato “Tu ricicli, Io ti Premio” si possa collaborare tutti tramite una specie di “patto tra i cittadini” a mantenere pulita la comunità e a ridurre in modo sostanzioso l’abbattimento della CO2. Il mio ringraziamento – ha commentato il sindaco di Piadena Ivana Cavazzini – va ad ASPM Soresina, Casalasca Servizi nonché alle aziende Trasporti Pesanti e Ars Service per aver sponsorizzato l’iniziativa”.

Maria Luisa Rancati

© Riproduzione riservata
Commenti