Commenta

Comitato TrenoPonte al
Circolaccio: "Presto nuovo
monitoraggio utenze in stazione"

La Regione ha poi approvato il bilancio dando l'ok allo stanziamento di 150mila euro per il comune di Casalmaggiore, che dunque aiuterà i commercianti

CAPPELLA (CASALMAGGIORE) – Mercoledì 20 dicembre, presso il “Circolaccio” di Cappella di Casalmaggiore a partire dalle 19,30 si è tenuto un aperitivo organizzato dal comitato TrenoPonteTangenziale ed aperto alla cittadinanza con l’obiettivo di presentare le iniziative del comitato e di raccogliere le proposte, i sentimenti , le lamentele che vengono “dal basso”  rispetto alle problematiche della viabilità su entrambe le sponde del Po resa drammatica dalla chiusura del ponte tra Casalmaggiore e Colorno. Era presente una quarantina di persone con una presenza significativa di cittadini della sponda parmense. Era presente, in qualità di invitato, il sindaco di Casalmaggiore, Filippo Bongiovanni.

In apertura ha preso la parola il presidente del comitato, Paolo Antonini, per fare il punto della situazione rispetto alla questione-ponte ma anche per illustrare le iniziative che il comitato ha intrapreso per un miglioramento dei servizi, assolutamente inadeguati, della ferrovia Brescia-Parma: per quanto riguarda la vicenda-ponte, non ci sono novità sostanziali perché finché i soldi per l’intervento di riparazione non saranno nella disponibilità della Provincia di Parma, non si potrà procedere alla gara d’appalto.  Per quanto riguarda la situazione dei treni, secondo il presidente Antonini, le corse che sono state aggiunte sono in orario poco utile per i pendolari e la stazione versa ancora in stato di abbandono.

Dopo le comunicazioni di Antonini , ha preso la parola il sindaco di Casalmaggiore, Bongiovanni, che, anche su sollecitazioni giunte da parte dei presenti, ha comunicato che è stata inoltrata una richiesta in Regione per una forma di risarcimento (tramite la TARI) ai commercianti e ad alcune categorie di artigiani per i danni derivanti dal calo di vendite dovute alla chiusura del ponte; come noto, la Regione ha poi approvato il bilancio dando l’ok allo stanziamento di 150mila euro per il comune di Casalmaggiore, che dunque aiuterà i commercianti colpiti dalla chiusura del ponte con l’esenzione della terza rata della Tari.

Per quanto riguarda i treni e le condizioni della stazione, il sindaco ha assicurato che sono stati sollecitati – ognuno per le sue competenze – Trenord e RFI ma, per il momento, l’unica concessione è stata, da parte di RFI, che il Comune predisponga un parcheggio nell’area ex-scalo merci per i cittadini; per quanto attiene al trasporto pubblico su gomma, i vertici TPL prevedono un rafforzamento della sola tratta Casalmaggiore-Sabbioneta, utile soprattutto per studenti e turisti; per quanto riguarda la richiesta dello Stato d’emergenza, il dato poco confortante è stata la scarsa adesione dei Comuni delle zone interessate (solo 9 hanno adottato la relativa delibera).

Si è quindi aperto un ampio dibattito che è durato un paio d’ore e nel corso del quale sono emerse in particolare queste esigenze da portare avanti con decisione in tempi brevi:

– la richiesta di incrementare le corse della Brescia-Parma con l’aggiunta di corse in alcuni orari di punta e di un servizio navetta ogni mezz’ora sulla tratta Casalmaggiore-Colorno negli orari di maggior afflusso; la richiesta del ripristino di servizi minimi nella stazione di Casalmaggiore;

– la richiesta di sveltire le procedure per l’inizio dei lavori sul ponte, a cominciare dal sollecito affidamento dei fondi necessari alla Provincia di Parma;

– la richiesta alla Regione Emilia-Romagna di cessione all’ANAS della rete viaria e dei ponti, in analogia a quanto fatto dalla Lombardia, per consentire  a quest’ultima la costruzione del nuovo ponte; a tale riguardo sarebbe utile una manifestazione con i sindaci per sollecitare tale scelta;

– l’effettuazione di un nuovo rilevamento delle presenze dei viaggiatori che transitano giornalmente dalla stazione di Casalmaggiore, notevolmente incrementatesi dopo la chiusura del ponte; rilevamento da inviare a Trenord per richiedere il ripristino dei servizi minimi della stazione.

Alla fine del dibattito, su proposta del segretario, Stefano Prandini, è stata decisa anche la data per l’Assemblea dei Promotori del comitato che, a norma di statuto, deve procedere all’elezione degli  organi dirigenti (quelli attuali sono stati eletti in via provvisoria): si terrà giovedì 11 gennaio, alle ore 21.

redazione@oglioponews.it

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti