Cronaca
Commenta

Ponte chiuso, sgravio TARI, le prime proteste: "Perché noi con oltre 150 mt di attività no?"

"Questo è a dir poco assurdo, ve lo dice una persona che mettendo fuori dal cancello 8 volte l'anno il bidone della carta e del cellophane paga 4500 euro ogni anno. Scandalo è dir poco, mi sembra la solita furbata politica"

CASALMAGGIORE – Sgravio TARI, non tutti son contenti. A scriverci, per manifestare tutta la propria disapprovazione un lettore di Oglioponews. La sua attività non rientra nei parametri previsti per lo sgravio.

“La Lombardia – ci segnala il lettore – ha disposto uno sconto del 40% per le aziende commerciali a 5 km in linea d’aria dal Ponte Po di Casalmaggiore chiuso al traffico da mesi. Questo è stato spiegato bene in diversi articoli. C’è una postilla però nella domanda da compilare per avere lo sconto. Le aziende con superficie superiore a 150 mq, quelle che comunque pagano di più, non sono ammesse alla richiesta di sconto. Questo è a dir poco assurdo, ve lo dice una persona che mettendo fuori dal cancello 8 volte l’anno il bidone della carta e del cellophane paga 4500 euro ogni anno. Scandalo è dir poco, mi sembra la solita furbata politica”.

 

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti