Un commento

Ponte, Zolezzi (M5S)
al MIT: "Si valuti bene
anche progetto di Vitiello"

"I costi del monitoraggio presidiato non sono chiari. Il progetto del Prof. Vitiello prevede l’eliminazione di tutti gli attuali impalcati (fili lesionati compresi) e ha tempistiche realizzative sovrapponibili a quelle del consolidamento iniziale proposto dalle Province" spiega Zolezzi.

ROMA – “In data odierna ho incontrato l’Architetto Maria Lucia Conti, della Direzione Generale per le strade e le autostrade e per la vigilanza e la sicurezza delle infrastrutture stradali. Mi ha comunicato che la Corte dei Conti ha confermato in data 19 marzo lo stanziamento finanziario per il Ponte di Casalmaggiore (6 milioni) e che sono in corso le pratiche per l’assegnazione dei fondi”. Lo rende noto Alberto Zolezzi, deputato del Movimento 5 Stelle, che poi aggiunge: “Manca il progetto esecutivo ma i fondi riguardano il consolidamento del Ponte, come comunicato dalle Provincie di Parma e Cremona. Rilevo una adeguata sensibilità e tempistica della Direzione nei confronti  di un possibile blocco di molti ponti sul Po e di riduzione della coesione territoriale. La competenza tecnica progettuale non è della citata Direzione bensì degli enti locali”.

Zolezzi precisa. “In questa fase tenterò di riproporre agli enti locali la discussione tecnica in merito alle proposte progettuali del Prof. Edmondo Vitiello che vedono possibile il riuso delle pile del ponte esistente con il posizionamento di una struttura metallica leggera sovrastante le pile a livello del piano stradale e con l’adeguamento antisismico della struttura per una cifra di poco superiore al costo base del consolidamento (circa 10 milioni). Il consolidamento proposto dagli enti locali dopo la consulenza dell’ing. Scaroni non sembra neppure garantire sicurezza e tantomeno una prolungata percorrenza del ponte, dato che i cavi a fili scorrevoli lesionati potrebbero non essere stati tutti individuati (la corrosione è nascosta) e di conseguenza non riparati nel consolidamento proposto come mostrato nel corso dell’incontro pubblico organizzato dal M5S a Casalmaggiore il 22 febbraio. I costi del monitoraggio presidiato non sono chiari. Il progetto del Prof. Vitiello prevede l’eliminazione di tutti gli attuali impalcati (fili lesionati compresi) e ha tempistiche realizzative sovrapponibili a quelle del consolidamento iniziale proposto dalle Province e finanziato dal MIT, con una vita prevista dell’opera superiore ai 50 anni. Bene che siano arrivati i fondi ma auspico che si valuti con attenzione come spenderli, per garantire un’opera utile e sicura che garantisca un servizio continuativo al territorio”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Stefano Pellegrini

    Ma nessuno si lamenta del fatto che tutte le sere chi fa il giro per tornare dal lavoro si trova dalle 17 alle 19 a fare code lunghissime (a partire da brescello) per colpa di un semaforo a Viadana che permette di passare solo 10 veicoli per poi diventare rosso? Vergognoso e anche li non gliene frega niente a nessuno.