Commenta

Marcaria è il primo comune
mantovano nell'Anagrafe
Nazionale Popolazione Residente

I trasferimenti di residenza saranno più semplici e veloci, immediate le comunicazioni fra enti, saranno inoltre più efficienti i rapporti con tutti i soggetti che erogano servizi pubblici. E non è questo l'unico vantaggio.

MARCARIA – E’ entrato in fase operativa nella prossima settimana il passaggio del Comune di Marcaria all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (A.N.P.R.). Il nuovo sistema progettato dall’Agenda Digitale Italiana, alla data odierna attivato solo in un centinaio comuni italiani, costituisce il tassello principale della complessa revisione e integrazione dei sistemi informativi della pubblica amministrazione. Al progetto partecipano: il Ministero dell’Interno, Ag.ID, Istat, Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) in rappresentanza dei Comuni, Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici e statistici per le Regioni, Sogei in qualità di partner tecnologico.

Sono coinvolti nel progetto il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale l’Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d’Anagrafe e soprattutto le altre pubbliche amministrazioni maggiormente interessate a fruire dei dati contenuti in ANPR come l’Agenzia delle Entrate, l’INPS, l’INAIL e la Motorizzazione Civile che potranno così effettuare opportuni controlli incrociati. Ad oggi solo un centinaio di comuni italiani sono già collegati. Marcaria è il primo comune mantovano ad aderire al sistema che, a regime, consentirà ai cittadini di richiedere certificati e carta d’identità indifferentemente in qualsiasi Comune italiano. I trasferimenti di residenza saranno più semplici e veloci, immediate le comunicazioni fra enti, saranno inoltre più efficienti i rapporti con tutti i soggetti che erogano servizi pubblici. Le statistiche mensili che ora debbono essere inviate da ogni singolo Comune ad ISTAT non dovranno più essere effettuate, perché i dati necessari saranno estratti tramite un collegamento diretto ad ANPR; attualmente questo adempimento comporta un impegno corrispondente a circa 2 giornate di lavoro al mese per un Comune di medie dimensioni.

“Sono particolarmente felice che il Comune di Marcaria sia riuscito a realizzare così velocemente questa piccola ma importantissima rivoluzione – dichiara il Sindaco Avv. Carlo Alberto Malatesta – in quanto, oltre che semplificare e fornire nuovi servizi d’anagrafe delocalizzati e veloci ai cittadini, questo fondamentale passaggio sarà indispensabile per arrivare presto ad altre importanti innovazioni fortemente volute dallo Stato in una prospettiva di sempre maggiore alleggerimento della burocrazia ed incentivo all’innovazione tecnologica. Un traguardo rilevante, dunque, in un’ottica di miglioramento generale dei servizi offerti ai cittadini a cui mi sto dedicando da alcuni mesi riorganizzando, non solo il personale, ma anche la logistica degli uffici. Il Comune di Marcaria, inoltre, avendo formalizzato la migrazione dei dati anagrafici nei termini di Legge e cioè entro il 31 dicembre 2018, potrà partecipare al bando del Ministero dell’Interno con cui verrà assegnato un contributo finanziario. Non si parla di grosse cifre, tuttavia, è un segnale importante che valorizza l’impegno profuso dalla nostra Amministrazione”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti