Cronaca
Commenta

Vicobellignano, gli alunni studiano e ridisegnano la frazione: la città dei Bambini è loro

Altra cosa importante da sottolineare è la partecipazione dei commercianti che animeranno la giornata ed hanno messo a disposizione i propri spazi per i più piccoli.

VICOBELLIGNANO – Saranno loro, i piccoli delle scuole elementari, a proporre cambiamenti per la frazione. Dopo aver studiato il luogo in cui vivono, prendendo parte alle dinamiche ‘dei grandi’. Perché così deve essere: una città dei bambini non può non partire da loro.

Ha fatto un gran lavoro la responsabile del progetto Chiara Tosi in coordinamento con la responsabile del plesso Donata Toscani, e un gran lavoro hanno fatto le insegnanti della scuola in collaborazione con i commercianti, a stendere un progetto unico nel suo genere, e dal significato profondo. E’ un progetto integrato alla Città dei Bambini, un percorso che varia da classe a classe e che si compirà il 25 maggio, quando le iniziative dei tre weekend dedicati ai più piccoli toccherà proprio la frazione più grande tra quelle casalesi.

Altra cosa importante da sottolineare è la partecipazione dei commercianti che animeranno la giornata ed hanno messo a disposizione i propri spazi per i più piccoli. Siamo in grado di dare in anteprima i progetti delle scuole.

———————————————————————-

LA CITTA’ DEI BAMBINI SEZIONE DI VICOBELLIGNANO

ANALISI DEI BISOGNI – La crescente carenza di tempo libero e la costante fretta del “dover fare” non permettono più a bambini e ad adulti di assaporare il bello che sussiste in una città. L’angolo nascosto, il rifugio dove potersene stare tranquilli a leggere un buon libro o semplicemente il luogo in cui viviamo risultano sempre più fotogrammi che ci passano davanti tra un impegno e l’altro smettendo via via di essere patrimonio personale e collettivo. Così succede che i luoghi comincino ad essere dimenticati, lasciati al logorio del tempo e al degrado, che pericoli reali o potenziali e l’assenza di infrastrutture destinate ai più deboli vengano taciuti, ignorati o giustificati dall’assenza di risorse. La “Città dei bambini” è questo: riscoprire il piacere di “vivere un luogo”, riuscire a “vedere” ciò che gli altri semplicemente guardano con disinteresse, riscoprire l’amore per la propria città e aiutarla ad essere migliore, più vivibile così che possa offrire a tutti una migliore qualità della vita attraverso l’impegno proprio e quello della comunità. Affinché ciò accada infatti c’è bisogno della partecipazione di tutti: scuole, enti, commercianti, famiglie e soprattutto dei bambini. Sinergie, impegno e nuove idee sono i punti chiave del cambiamento che questo progetto si propone. Com’è facile immaginare in questo progetto la scuola è uno dei punti focali in quanto luogo di formazione ed educazione delle future generazioni con lo scopo di insegnare, tra l’altro, lo spirito di collaborazione, la partecipazione attiva per il raggiungimento di un traguardo, la storia del proprio territorio ed il rispetto per lo stesso. La scuola ha così raccolto l’invito dei promotori de “La Città dei bambini” di Casalmaggiore, elaborando, con la partecipazione degli alunni, un progetto che attraverso uno studio dei reali bisogni e delle esigenze dei bambini abbia lo scopo di fargli scoprire e riscoprire la frazione di Vicobellignano così di valutarne i pregi e i difetti e promuovendo nuove idee e spunti che contribuiscano a renderla bella e soprattutto fruibile ad ogni abitante. Vicobellignano sarà così non il posto in cui abitano, ma il luogo che vivono.

OBIETTIVI E TRAGUARDI – Il progetto ha lo scopo di valorizzare il territorio attraverso uno studio analitico di Vicobellignano a partire dalle sue caratteristiche (che cos’è Vicobellignano e chi lo abita) per proseguire poi attraverso un’attenta analisi morfologica e cartografica. Inoltre, si cercherà di far emergere le potenzialità della frazione osservando attentamente i suoi punti di forza come ad esempio i luoghi di aggregazione, i servizi, la viabilità, ma anche i punti critici come i pericoli stradali, dati per esempio dalla mancanza di un attraversamento pedonale o la presenza di un incrocio estremamente pericoloso. L’esperienza avrà luogo il 25 Maggio 2018 alla mattina, ma prevedrà una preparazione da parte degli insegnanti in classe per arrivare alla data preposta “consapevoli” e pronti all’azione. I macro obiettivi del progetto sono il rendere i nostri alunni consapevoli del luogo dove vivono, favorire e sviluppare un giudizio critico, sollecitare l’attivazione delle dinamiche di problem solving in una realtà vera e non solo dietro i banchi di scuola. Sarà una lezione en plain air a tutto tondo che prevedrà l’uscita di tutti gli alunni dalla scuola e delle loro insegnanti attraverso percorsi prestabiliti affinché la comunità scolastica prenda possesso del territorio.

ARTICOLAZIONE E DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA’:

TITOLO: ORIENTAVICO
CLASSE PRIMA E CLASSE SECONDA
N° ALUNNI: 37 (SUDDIVISI IN TRE GRUPPI MISTI)
PLANNING DELLA MATTINATA:
• PARTENZA ALLE 8.30 DA SCUOLA
• 1h e mezza di percorso per ciascun gruppo
• 10.30/10.45 : merenda presso famiglia Zani/Tentolini (Selleria)
• h 11.30 ritorno a scuola
DESCRIZIONE DELL’ATTIVITA’: piccola caccia al tesoro con aneddoti, informazioni, dati sulla frazione. Per andare da un esercizio al successivo i bambini dovranno risolvere piccoli grattacapi inerenti a dati storici o geografici di Vicobellignano.
ATTIVITA’ PRESSO GLI ESERCIZI: attività con frutta presso il negozio “un posto al sole”, manipolazione (presso forneria “il borgo” di Vicobellignano), attività con la carta presso la cartoleria “Cartovico”.
PUNTI DI RISTORO: PICCOLO PARADISO, FORNERIA DEL BORGO
———————————————————
TITOLO: ALLA SCOPERTA DI VICOBELLIGNANO
CLASSE TERZA
N° ALUNNI: 25 (suddivisi in due gruppi)
PLANNING DELLA MATTINATA:
• partenza a 8.30 da scuola
• 1h e mezza di percorso per ciascun gruppo
• Ore 10.00/10.15 (Circa) incontro dei due gruppi alla Trattoria della Bassa per scambio idee/osservazioni
• Ore 10.45 merenda presso la Trattoria
• Ore 11.15 rientro a scuola
• Termine dell’attività di censimento con tutti gli alunni in classe
DESCRIZIONE DELL’ATTIVITA’: censimento dei servizi, negozi, chiesa, spazi gioco, aree verdi per i cittadini. A coppie i bambini avranno una cartina fornita dal comune con illustrati i caseggiati, gli spazi verdi, le zone libere, i campi,….Un bambino avrà la mappa in mano e segnerà sulla carta in base ad una legenda prestabilita i punti di interesse; l’altro annoterà su un foglio in dettaglio di cosa si tratta. Dopo aver effettuato il censimento i bambini si ritrovano per un primo scambio di idee presso l’esercizio che offrirà loro la merenda per poi terminare l’attività in classe.
ATTIVITA’ PRESSO GLI ESERCIZI: nessuna, ma necessità di volontari nei punti strategici
PUNTI DI RISTORO: Trattoria della Bassa
——————————————————–
TITOLO: LA CITTA’ DEI BAMBINI?
CLASSI 4° A E 4° B
N° ALUNNI: 26 (suddivisi in tre gruppi)
PLANNING DELLA MATTINATA:
• Partenza a 8.30 DA SCUOLA
• Suddivisione in 3 gruppi (ogni gruppo avrà 6 coppie, ogni coppia avrà un TABLET e blocco appunti) con 3 percorsi diversi, durata un paio di ore
• Ore 10.30 merenda presso il Trattobene
• Ore 11.00 rientro a scuola
• Termine dell’attività in classe di realizzazione di un prodotto multimediale
DESCRIZIONE DELL’ATTIVITA’: report fotografico e manoscritto da presentare alla sera durante lo svolgimento della festa con le famiglie da esporre presso l’esercizio commerciale “Ottica Luce”, i bambini esamineranno criticamente i percorsi che potrebbero fare autonomamente prestando particolare attenzione al tipo di percorso da fare per raggiungere un punto prestabilito, osservando i pericoli che si celano “dietro l’angolo”. Il tutto sarà documentato attraverso immagini fotografiche e un report scritto dei bambini. I bambini si appunteranno osservazioni e domande come ad esempio: “posso giocare liberamente e in sicurezza lungo le vie di Vicobellignano?”. Lavoreranno dalle 11.00 alle 12.30 in classe su di un cartellone da realizzare per la sera in cui si evidenzieranno punti critici, zone a rischio, pericoli, ….
ATTIVITA’ PRESSO GLI ESERCIZI: nessuna, ma necessità di volontari nei punti strategici
PUNTI DI RISTORO: Trattobene
—————————————————————
TITOLO: LA CITTA’ CHE VORREI
CLASSE QUINTA
N° ALUNNI: 22 (suddivisi in due gruppi)
PLANNING DELLA MATTINATA:
• Partenza a 8.30 DA SCUOLA
• I bambini apporranno i cartelloni precedentemente realizzati davanti alla scuola: i cartelloni illustreranno un progetto sul come riqualificare quattro zone prescelte diVicobellignano
• Ore 9.00 un gruppo andrà presso l’esercizio commerciale della lavanderia per ascoltare spiegazione sui detersivi biologici e facendo valutazioni circa l’importanza del riciclo dei contenitori. L’altro gruppo si dirigerà presso l’esercizio “hobby pesca” per ascoltare lezione sul biotopo elaborando considerazioni in merito a cosa può essere fatto per mantenere l’equilibrio dell’ecosistema. Poi scambio gruppi.
• H 10.45 circa ritrovo dei due gruppi presso Sconosciuta Compagnia per la merenda
• H 11.20 rientro a scuola
DESCRIZIONE DELL’ATTIVITA’: i bambini lavoreranno con le insegnanti circa tre settimane prima del 25 Maggio sia in classe che sul territorio. Sono stati prescelti quattro punti strategici su cui lavorare, che possono essere potenzialmente luogo socializzante ed aggregante: lo spazio a fianco della scuola, lo spazio davanti alla scuola, il verde attorno al giardino della scuola, il parchetto del quartiere Baslenga. I bambini effettueranno misurazioni e vedranno concretamente in loco elementi che potrebbero valorizzare spazi (attrezzatura sportiva, tettoie, elementi per lo svago, panchine, tavoli, ecc). con la collaborazione di esperti. La mattina del 25 Maggio invece rifletteranno attraverso le due esperienze “ecologiche” sul cosa può essere fatto da loro per il rispetto della natura.
ATTIVITA’ PRESSO GLI ESERCIZI: lezione sui detersivi bio presso lavanderia, e lezione presso Hobby Pesca sul biotopo
PUNTI DI RISTORO: Sconosciuta Compagnia.

C’è molta soddisfazione nel Comitato Slow Town. “Complimenti agli insegnanti e ai bambini per lo spirito con il quale hanno deciso di divenire parte attiva. E un grazie particolare va ai commercianti, a tutti quelli della frazione, che si sono prestati col sorriso a tutto questo. Vicobellignano è una frazione che vive anche grazie a loro, al loro spirito e al coraggio di mettersi in gioco. L’unione di tutte le forze può e deve fare la differenza sempre. Siamo già sicuri che verrà fuori un ottimo lavoro e che quella del 25 maggio sarà sicuramente una giornata da ricordare per tutti”.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti