Eventi
Commenta

A Casalmaggiore sarà di nuovo Jazz Day: musica per divertirsi e diffondere le note nelle scuole

Tra le novità più piacevoli la spilla realizzata dall’artista di Casalmaggiore Marco Goi, che sarà assegnata a chiunque prenoterà il suo posto presso la Tabaccheria Anversa di piazza Garibaldi, pure qui con offerta libera.

CASALMAGGIORE – Il Jazz Day a Casalmaggiore viaggia verso la settima edizione. Un compleanno che sarà celebrato al Teatro Comunale il prossimo 30 aprile in occasione della Giornata Mondiale indetta dall’Unesco nel 2012 proprio per celebrare il jazz e una torta ideale fatta di arte, divertimento, cameratismo tra musicisti e tanta solidarietà. Le candeline, ovviamente, saranno idealmente spente da uno squillo di tromba…

A presentare l’evento, sabato mattina in Teatro, alcuni degli organizzatori ossia Andrea e Claudio Acquaroni, figlio e padre, quest’ultimo presidente della Società Musicale Estudiantina, Giampietro Lazzari e il direttore del teatro casalese Giuseppe Romanetti. Organizzata per i primi due anni in biblioteca Mortara, la giornata è stata poi sempre ospitata proprio nella struttura di via Cairoli. “Il nostro non è mai un concerto vero e proprio – ha spiegato Andrea Acquaroni – ma un momento di incontro e di festa con una jam sessione spontanea, in cui nessuno è obbligato a eseguire spartiti, ma porta i pezzi che più lo aggradano”. Non vi sarà un biglietto da pagare, ma solo una offerta libera che servirà a pagare le spese di organizzazione e poi finanzierà l’acquisto di strumenti per l’Estudiantina e, soprattutto, nuovi corsi musicali per le scuole di Casalmaggiore, nel caso specifico per l’elementare Marconi. Un modo per sostenere l’arte delle sette note che non sempre tra i banchi prende piede o viene curata a dovere, spesso per motivi di tempo e programmi curricolari.

La volontà è quella di riavvicinare le persone alla musica dal vivo, ha confermato Lazzari, spiegando che prenderanno parte alla serata ben 40 musicisti del comprensorio Oglio Po e in generale delle province di Cremona, Mantova, Parma e Modena: alcuni amatori, alcuni invece professionisti anche di calibro internazionale. Si pensi alla scorsa edizione quando in Teatro si esibirono Mauro Negri ed Emilio Soana. Il tema della serata sarà un fil-rouge che però non è stato svelato, trattandosi di sorpresa. Ricordando l’appoggio degli sponsor, gli organizzatori hanno altresì illustrato che in sala Fastassa sarà allestito il servizio bar con musica sia prima che dopo il concerto a cura del Barbis.

Nella foto Marco Goi e la spilla da lui creata

Tra le novità più piacevoli la spilla realizzata dall’artista di Casalmaggiore Marco Goi, che sarà assegnata a chiunque prenoterà il suo posto presso la Tabaccheria Anversa di piazza Garibaldi, pure qui con offerta libera, così come il ricambio generazionale nell’organizzazione, che passa dal coinvolgimento tra gli altri di giovani come Luca Bernardi e Nicola Maestri. Claudio Acquaroni ha sottolineato l’appoggio del comune, Romanetti invece ha ricordato come quelle del Jazz Day siano sempre state serate bellissime, dove ci si trova per piacere prima che per lavoro. “Il teatro sarà sempre disponibile per appuntamenti di qualità come questo, anche perché in questo luogo il jazz ha una grande tradizione e ha ospitato grandi nomi in passato. Per questo proposi di spostare la manifestazione qui cinque anni fa” ha chiosato il direttore del Comunale.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti