Commenta

Diserbo non consentito a Cappella,
Degli Angeli (M5S) scrive al
sindaco e porta il caso in Regione

"Il diserbo chimico pregiudica la stabilità delle scarpate del canale, privandole della funzione di consolidamento data dalle radici del manto erboso, e distrugge la biodiversità" scrive il neo consigliere regionale.

CASALMAGGIORE – Diserbo chimico utilizzato contravvenendo alla legge. E’ questa l’accusa raccolta dal neo consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Marco Degli Angeli, che ha raccolto la segnalazione da una cittadina di Casalmaggiore e intende portarla all’attenzione del Pirellone. “Nella giornata di ieri (mercoledì, ndr) – spiega Degli Angeli – ho sollecitato i controlli delle autorità preposte, in merito a numerose segnalazioni fatte dai cittadini di Casalmaggiore preoccupati per l’utilizzo di diserbanti chimici in prossimità di canali e fossi di pubblica utilità. Il diserbo chimico pregiudica la stabilità delle scarpate del canale, privandole della funzione di consolidamento data dalle radici del manto erboso, e distrugge la biodiversità. Quindi, questa pratica, quantomeno nei canali e fossi che hanno una funzione pubblica, è fuori legge e dalla stessa perseguita”.

“Tuttavia lascia increduli – prosegue Degli Angeli – che quotidianamente non vengano rispettate nemmeno le Leggi in materia sulla nostra sicurezza. Infatti con il D.M. 22 gennaio 2014, “Adozione del Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari” emanato dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 12 febbraio 2014, n. 35 sono entrate in vigore le nuove norme che stabiliscono, in un quadro di Azione Comunitaria, le priorità di intervento nei confronti dell’Ambiente. Confrontandomi con le GEV di altri territori ho avuto conferma che questi comportamenti illegali e pericolosi sono presenti in tutto il territorio Cremonese”.

Degli Angeli ha scritto una lettera al sindaco Filippo Bongiovanni (membro del cda del consorzio Navarolo), al vicesindaco e assessore competente Giovanni Leoni, al coordinatore GEV Massimo Mori e al responsabile dell’ufficio ambiente Uber Ferrari per invitarli ad una pronta verifica ed intervento, promettendo di portare la questione all’attenzione dell’assemblea regionale. Lo stesso consigliere ha allegato pure fotografie a supporto, che evidenziano la tipica colorazione giallastra da diserbo chimico in località Cappella di Casalmaggiore.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti