Commenta

Sta nascendo una gran
Pomì: alla RenCar presentate
Rahimova e Arrighetti

"Questa è una nuova sfida per me - dice Rahimova - e sono molto felice di essere qui...poi io amo il rosa! Mi raccomando seguiteci!". "Devo essere sincera è da un po' di tempo che non mi capitava di sentire tanto entusiasmo rispetto ad una nuova avventura"spiega Arrighetti.
Foto Bepi Storti

CREMONA – Presso la sede della Concessionaria RenCar in via Milano 18 a Cremona, si è svolta la presentazione di due nuove giocatrici della VBC Pomì Casalmaggiore 2018/2019, un po’ a sorpresa per i tanti appassionati e tifosi accorsi: Polina Rahimova, opposto, e Valentina Arrighetti, centrale.

E’ stata però l’occasione per dare l’ufficialità anche al sodalizio tra la società di strada Baslenga e i padroni di casa, RenCar appunto, un’azienda di pluriennale esperienza, con sedi in Cremona, Casalmaggiore (CR) e Castiglione delle Stiviere (MN) e che è concessionaria dei marchi Nissan, Renault e Dacia. La Concessionaria cremonese fornirà le automobili alle giocatrici Pomì e i pulmini allo staff VBC. Ringraziamo Ren Car per l’ospitalità.

“Quest’anno ci hanno proposto questa partnership – dice l’A.D. di RenCar Bruno Piccinini – che onestamente non avevo prima preso in considerazione perchè conosco poco questo sport. Però mi è piaciuta fin da subito perchè ricalca molto la zona in cui noi operiamo essendo presenti a Cremona, Casalmaggiore e Castiglione delle Stiviere, così ho dato fin da subito l’ok a questa collaborazione.”

“Sono tre marchi gloriosi – dice il presidente VBC Massimo Boselli Botturi – che abbiamo l’onore di poter portare con noi; è stata una partnership semplice perchè con la dirigenza di RenCar abbiamo trovato fin da subito un’unità di intenti e di ideali. Ringrazio Claudio de Felice (responsabile marketing VBC n.d.r.) per aver reso possibile questa partnership”.

Si è entrati poi nel vivo della presentazione; la prima giocatrice, accolta dal boato dei tifosi, un centrale che non ha bisogno di introduzioni: Valentina Arrighetti. Nata a Genova nel 1985, Arrighetti, alta 189 cm, può vantare nel proprio palmares 2 Campionati Italiani, una Coppa Italia, 2 Supercoppe Italiane e 2 Champions League (consecutive n.d.r.) oltre ad un oro all’Europeo del 2009, un oro alla Coppa del Mondo in Giappone del 2011, un ora alla Grand Champions Cup sempre in Giappone nel 2009 e un oro ai Giochi del Mediterraneo nel 2013 è reduce da due stagioni alla Savino del Bene Scandicci, ma Valentina ha vestito anche le maglie di Conegliano, Lokomotiv Baku, Busto Arsizio, Bergamo (per ben 5 stagioni), Vicenza (dove ha esordito in A1), Cavazzale, Firenze Padova e Club Italia. Nella stagione 2003/2004, a soli 18 anni, Arrighetti vince il Premio Arnaldo Eynard quale miglior under 20 della serie A2.

“Sono felicissima di essere qui – dice Valentina Arrighetti – sono davvero entusiasta. Devo essere sincera è da un po’ di tempo che non mi capitava di sentire tanto entusiasmo rispetto ad una nuova avventura; sono felice e onorata che la Pomì mi abbia voluto per questo nuovo percorso perchè sicuramente è un nuovo inizio per loro nonostante abbiano vinto tantissimo hanno voluto mettersi in gioco rivoluzionando tutto, hanno scelto me in questa rivoluzione…la cosa mi è piaciuta tantissimo! Sono piena di energia ed entusiasmo e non vedo l’ora di iniziare”. Valentina, oro alle Universiadi del 2009, bronzo ai Giochi del Mediterraneo del 2005 e al Word Gran Prix del 2007 e 2010, vestirà la maglia numero 13.

Ecco poi la sorpresa di giornata: la seconda giocatrice, accolta dal fragoroso applauso dei presenti, ad essere annunciata è stata l’azera Polina Rahimova. L’opposto dell’Azerbaigian, classe 1990, alta ben 198 cm, è nata a Fergana in Uzbekistan ma è cresciuta a Donetsk in Ucraina dove la sua famiglia si era trasferita quando Polina aveva solo due anni e dove ha mosso i suoi primi passi pallavolistici. Sceglie poi di vestire la maglia della Nazionale dell’Azerbaigian, la terra che l’ha vista maturare sempre di più sia tecnicamente che tatticamente e che l’ha portata, dopo una stagione nel Neqliyyatci, a vincere Campionato, Coppa di Azerbaigian e Challenge Cup con la maglia dell’Azerreyl, dove arriva nella stagione 2008/2008 e rimane sino alla 2012/2013, e che soprattutto la vede miglior realizzatrice della Novotel Cup nel 2009, della Coppa di Azerbaigian (oltre che MVP) nel 2010 e della Superliqa Azera nel 2010 e nel 2011. Fresca anche di premiazione come miglior servizio della Superliqa azera nel 2011 e nel 2012, approda all’Azeryol dove rimane però solo una stagione.

Nel 2014/2015 Polina riceve il primo ingaggio all’estero, in Corea del Sud, al Hyundai Hillstate dove, in una stagione sola, raccoglie i premi come Miglior Schiacciatrice del torneo e MVP sia del 1° che del 2° round del campionato sia dell’All Star Game. Rahimova la stagione successiva si sposta in Giappone, al Toyota Queenseis dove resta un biennio e dove soprattutto realizzerà qualcosa di magico: nella gara valevole per la 14° gara di campionato tra la sua Toyota Queenseis e l’Hitachi Rivale, vinta dal Toyota 3-2, Polina sigla 58 punti che le valgono, tuttora, il record del mondo di punti siglati in una sola partita (uno in più di Vasileva l’annata prima). La stagione scorsa ha militato nel campionato turco con la maglia del Fenerbahce. Rahimova, amante del colore rosa, oro nella European League del 2016 con la sua nazionale dove è stata eletta anche MVP del torneo, vestirà la maglia numero 17. “Questa è una nuova sfida per me – dice Polina Rahimova – e sono molto felice di essere qui…poi io amo il rosa! Mi raccomando seguiteci!”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti