Commenta

Amo Colorno e la richiesta
di revoca dello sciopero treni:
"Nemmeno ci hanno risposto..."

“Ringraziamo CAT e Trenord, per aver preso a cuore le problematiche del territorio e dei pendolari, e altresì prendiamo atto del disinteresse mostrato. Certi però che una telefonata o una mail sarebbe stata doverosa e non complicata da fare”.
Nella foto il ponte chiuso dalla parte di Colorno

COLORNO – Nella giornata di venerdì 20 luglio il gruppo AMO COLORNO ha inviato una missiva al Coordinamento autorganizzato Trasporti (CAT) con in copia Trenord, al fine di chiedere agli organizzatori dello sciopero ferroviario, previsto per le giornate di sabato 21 e domenica 22 luglio, la sospensione dello stesso sulla tratta Parma- Brescia. Il tutto per non gravare ulteriormente sulla difficilissima situazione del territorio adiacente al ponte sul Po, chiuso ormai da troppo tempo.

“Alla nostra richiesta – spiegano dal gruppo – non è arrivata alcun tipo di risposta. Abbiamo anche provato a contattare più volte il coordinamento del sindacato CAT, ma nessuno ci ha mai risposto, a parte una sterile risposta automatica per mail che ci ringraziava di aver contattato CAT, e che saremo stati ricontattati quanto prima. “Ringraziamo” CAT e Trenord, per aver preso a cuore le problematiche del territorio e dei pendolari, e altresì prendiamo atto del disinteresse mostrato. Certi però che una telefonata, una mail o un risposta ufficiale sulla stampa, sarebbe stata doverosa e non complicata da fare”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti