Cronaca
Commenta

Rotonda di ponte Po, urge rifacimento del fondo stradale senza aspettare l'incidente

La sede stradale è completamente da rifare: piena di buche e di insidie soprattutto per i motociclisti. Una rotonda percorsa da mezzi pesanti, auto e moto ad ogni ora del giorno e della notte, che meriterebbe ben altra attenzione

CASALMAGGIORE – Non è solo questione di ponte. Il dissesto infrastrutturale di un territorio e la volontà di fare qualcosa si vedono anche un po’ più giù dell’infrastruttura chiusa. La rotonda di Ponte Po è sempre più dissestata e nonostante gli appelli che ci sono stati anche sugli organi di stampa – oltre che sui social – la situazione è rimasta uguale se non peggiorata.

La sede stradale è completamente da rifare: piena di buche e di insidie soprattutto per i motociclisti. Una rotonda percorsa da mezzi pesanti, auto e moto ad ogni ora del giorno e della notte, che meriterebbe ben altra attenzione. La responsabilità della strada è provinciale: inutile dunque prendersela con il comune che non ha responsabilità.

La Provincia è un ente privo di risorse proprie: la riforma a metà di Renzi ne ha depotenziato le possibilità senza pensare che tra quelle responsabilità vi erano anche quelle della gestione della rete stradale. Proviamo a rilanciare l’appello a fare qualcosa senza aspettare di dover andare a fotografare qualche incidente serio, magari causato proprio da quel fondo molto più simile ad una sterrata di campagna che ad una provinciale.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti