Commenta

Piccinelli e Tascarella: "Il
sindaco? Incapace di decidere
se stare col suo territorio o no"

Quando non si riesce a decidere se difendere il proprio territorio o il governo regionale del proprio colore, si è destinati a non prendere nessuna iniziativa

CASALMAGGIORE – Un documento a firma di Annamaria Piccinelli (CNC e Comitato a Difesa dell’Oglio Po) e Calogero Tascarella (CNC). Un sindaco ‘attendista’ che invece di prendere in mano le redini della situazione si ‘accontenta’ di attendere e al limite salire sul carro. Dura la risposta a Filippo Bongiovanni.

“Il sindaco Bongiovanni – si legge nel documento – a proposito del ricorso al Tar paventato dai sindaci dell’ambito numero 9, dice che “sta alla finestra” e che eventualmente ci sarà da convocare l’assemblea dei sindaci. Mentre il cremasco, il bergamasco e i comuni del Veneto si compattano come falangi, noi stiamo alla finestra.

Come avvocato, come sindaco a cui stanno facendo a pezzi il territorio, come vicepresidente dell’assemblea dei sindaci e come appartenente allo stesso partito che governa in Regione e a Roma, di iniziative ce ne sarebbero state tante da prendere e ce ne sarebbero tuttora mille.

Già come avvocato crediamo che una posizione chiara rispetto al ricorso al Tar si potesse prendere, prima ancora e indipendentemente dall’accodarsi.

Inoltre l’assemblea dei sindaci dovrebbe essere al lavoro senza sosta per promuovere interrogazioni parlamentari, per chiedere un incontro al ministro per dirgli che se l’obiettivo è davvero la sicurezza, un reparto di terapia intensiva non può valere di meno del numero dei parti e dunque rivalutare i parametri, e inoltre far presente che sono stati trasmessi dati sbagliati.

Il sindaco, assieme ai suoi colleghi, dovrebbe pretendere di sapere quali investimenti sono previsti sul suo ospedale (sottolineiamo che a oggi, a parte la chiusura e le solite parole, non c’è una mezza idea messa nero su bianco, di ciò che la Regione vuole fare e quanto vuole investire sull’ospedale Oglio- Po).

Ma è inutile girarci, siamo alle solite, attorno quando si ha un piede qui e uno a Milano o a Roma, quando non si riesce a decidere se difendere il proprio territorio o il governo regionale del proprio colore, si è destinati a non prendere nessuna iniziativa”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti