Commenta

Rivarolo Mantovano, "battaglia"
su trasporto scolastico e tariffe:
"Caso montato ad arte dai vicini"

"Singolare appare l'affermazione - prosegue Galli - secondo la quale il Comune di Rivarolo del Re svolgerebbe gratuitamente il servizio per i non residenti. Questo non corrisponde al vero".

RIVAROLO MANTOVANO – In merito al servizio di trasporto scolastico svolto dal Comune di Rivarolo Mantovano interviene il sindaco Massimiliano Galli. “Corre l’obbligo di rettificare le affermazioni fuorvianti circolanti nei giorni scorsi tra i genitori degli studenti utenti di Spineda – spiega il primo cittadino – . Voglio sottolineare che il Comune di Rivarolo Mantovano è tenuto a rispettare le direttive regionali e nazionali che impongono il pagamento dei servizi a domanda individuale (leggi trasporto scolastico). In fase di approvazione del bilancio comunale vengono stabilite le percentuali di copertura dei servizi pubblici da parte dell’utenza. Il Comune di Rivarolo Mantovano ha scelto di coprire i costi dei propri residenti”.

“Singolare appare l’affermazione – prosegue Galli – secondo la quale il Comune di Rivarolo del Re svolgerebbe gratuitamente il servizio per i non residenti. Questo non corrisponde al vero in quanto la delibera di giunta dell’Unione Foedus n° 14 del 17 marzo 2017 alle pagine due e tre disciplina i costi per il servizio di trasporto scolastico all’interno dell’Unione Foedus (100 per i residenti nel capoluogo, Rivarolo del Re; 120 per i non residenti nel capoluogo, 250 per i residenti fuori dall’Unione). Ne deriva quindi che anche per i residenti di Spineda il servizio sia a pagamento. Le informazioni suddette sono state trasferite telefonicamente e per lettera al rappresentante dei genitori dei bambini di Spineda, frequentanti le scuole di Rivarolo Mantovano, interessati dal provvedimento che dal primo gennaio 2019 e fino alla chiusura dell’anno scolastico dovranno corrispondere indicativamente la cifra di 100 euro pro capite (200 per l’anno scolastico 2019/20)”.

“Quanto alle affermazioni e richieste dei genitori degli studenti utenti di Spineda, che fanno il confronto con il servizio Apam per il trasporto verso Mantova – prosegue Galli – faccio presente come a fronte di una percorrenza di circa un quarto del tragitto (Spineda centro – scuole di Rivarolo Mantovano) corrisponda circa un quarto della tariffa. Altrettanto singolare appare l’informazione pervenutami “vox popoli” secondo la quale il Sindaco di Spineda si sarebbe espresso per il rimborso del costo del servizio solo alle famiglie che portano i ragazzi a Rivarolo del Re, misura che se attivata in questi termini introdurrebbe un’evidente discriminazione tra Cittadini. Resta inteso che casi di fragilità sociale verranno valutati caso per caso. “Il caso” dunque, volendo parafrasare, sembrerebbe montato ad arte per gettare discredito sull’operato dell’Amministrazione da me condotta, che nel frangente ha la sola responsabilità di applicare disposizioni di legge”.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti