Commenta

Ex Ospedale, rilancio possibile:
sgravi fiscali e progetto per creare
un polo per il turismo fluviale

L’intervento mira ad una riqualificazione dell’area per migliorarne l'efficienza a favore del trasporto. Allo stato attuale l’area interessata dagli interventi necessita di una sostanziale riconversione produttiva o destinata a servizi.

CASALMAGGIORE – La Giunta di Regione Lombardia, nella seduta di lunedì 1 ottobre, ha approvato lo schema di accordo per l’attrazione degli investimenti e la valorizzazione delle offerte localizzative con il comune di Casalmaggiore, iniziativa inserita nella misura «Attract – Accordi per l’attrattività», azione con la quale Regione mira a valorizzare l’offerta territoriale ed a promuovere, in Italia e all’estero, opportunità di localizzazione e investimento in Lombardia mediante il sostegno ai Comuni che si impegneranno a introdurre azioni volte alla semplificazione, alla riduzione dei costi a carico delle imprese, al supporto all’insediamento di attività economiche e alla definizione di tempi certi anche attraverso la creazione di percorsi di aggregazione dei principali stakeholder del territorio.

“Il Comune, dopo aver messo in atto una misura per lo sgravio TARI di cui hanno beneficiato 155 MPMI attive sul territorio – spiega il sindaco Filippo Bongiovanni – prosegue l’azione di rilancio dell’offerta territoriale ponendo la sua attenzione su un’area a destinazione d’uso produttiva, direzionale, turistico – ricettiva, logistica e trasporti. Trattasi dell’area EX-OSPEDALE, sita in Via Cairoli e di proprietà dell’ASST di CREMONA, sulla quale insiste il complesso edilizio oggetto di un’opportunità di investimento ambiziosa e strategica rispetto ad un possibile progetto di Polo Direzionale e Turistico-ricettivo sostenibile, slow e fluviale.  Il complesso edilizio oltre ad essere in centro dell’abitato, risulta essere collocato a ridosso dell’argine maestro di protezione al fiume Po ed a circa 200 metri di distanza dall’immobile vi è la presenza di due attracchi fluviali il primo atto a grandi Navi Turistiche di fiume ad esempio la Stradivari e l’altro per diportistica privata per piccoli e medi natanti”.

Grazie all’opportunità di finanziamento, a cui ha aderito il Comune di Casalmaggiore candidando una progettualità stilata dallo Sportello Ricerca Fondi Sovracomunale di Casalasca Servizi, i possibili acquirenti potranno beneficiare di sgravi notevoli (IMU dell’area interessata risulta essere del 9,8 per mille, con apposita delibera di Giunta si prevederà un’aliquota IMU pari al 7,64 per mille (in pratica il comune non prende nulla e lascia la semplice aliquota da versare allo Stato), mentre gli oneri di urbanizzazione primari e secondari saranno pari a zero euro) mentre l’Ente Locale potrà effettuare un intervento di ripavimentazione di parte della sede stradale di Via Cairoli, in quanto la pavimentazione esistente, in cubetti di porfido, risulta ampliamente ammalorata, con diversi avvallamenti su tutta la superficie, oltre a zone con cubetti parzialmente in fase di distacco. La sistemazione degli avvallamenti, disconnessioni e la realizzazione della nuova pavimentazione, sino all’incrocio tra via Cairoli con via XX settembre di ingresso all’area, risulta essere un intervento funzionale per i possibili insediamenti produttivi in quanto aumenta l’appetibilità dell’edificio stesso.

L’intervento mira ad una riqualificazione dell’area per migliorarne l’efficienza a favore del trasporto. Allo stato attuale l’area interessata dagli interventi necessita di una sostanziale riconversione produttiva o destinata a servizi, e, quindi, è necessario il miglioramento della infrastrutturazione primaria esistente per il rafforzamento della attrattività economica del territorio di riferimento.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti