Cronaca
Commenta

Torre, il Ristorante Italia di nuovo all'asta: il 14 novembre sarà il quinto tentativo

A gestire la procedura e l’asta saranno, come anche in precedenza, il giudice Lucia Valla e il delegato alla vendita Romina Conti. Sperando che almeno stavolta lo storico Ristorante Italia trovi qualcuno interessato a rilanciarlo.

TORRE DE’ PICENARDI – E’ un luogo maestoso, decisamente, ma anche abbandonato, che inizia forse a sentire un po’ il peso degli anni, o quanto meno mostra le rughe dell’abbandono. Parliamo del bar e ristorante Italia di Torre dè Picenardi, in pieno centro cittadino, tanto che si affaccia su piazza Roma che ospita pure il comune, le scuole e Villa Sommi Picenardi, aperto fino al 2014 e in vendita da allora mediante asta fallimentare: per quattro volte le aste sono andate deserte.

Dapprima a settembre 2017, poi a dicembre dello scorso e ancora a gennaio del 2018. L’ultima volta, ancora senza successo, è caduta il 15 maggio scorso. Ora però vi sarà un nuovo tentativo, fissato per il 14 novembre: 564.600 euro il prezzo base del lotto che comprende albergo, ristorante e camere da letto – nove in tutto – ma la base d’asta è via via scesa e oggi è fissata ad un prezzo davvero stracciato: 178.650 euro, con offerta minima possibile di poco meno di 134mila euro e rialzi di 3.573 euro.

L’immobile in via Garibaldi è stato assegnato solo per una parte, ossia per il secondo lotto: pure qui però è servito aspettare, finché al terzo tentativo l’asta ha portato all’assegnazione per 32.350 euro di un appartamento con cantina, autorimessa, officina, cucina, soggiorno, bagno, ripostiglio e tre camere da letto (qui si partiva da 57.500 euro nella prima asta).

Tornando al primo lotto, un rapido calcolo lascia capire quanto sia conveniente l’eventuale acquisto in questa quarta asta pronta a partire: da 546mila euro a 178mila euro in meno di un paio d’anni, con passaggi intermedi sempre ribassati e fissati via via a 423mila, 317mila e 238mila euro. A gestire la procedura e l’asta saranno, come anche in precedenza, il giudice Lucia Valla e il delegato alla vendita Romina Conti. Sperando che almeno stavolta lo storico Ristorante Italia trovi qualcuno interessato a rilanciarlo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti