Un commento

Bigenitorialità, Commessaggio
primo comune del mantovano
ad adottare il registro

Il Sindaco Alessandro Sarasini ha espresso soddisfazione per l’istituzione del registro che colma una lacuna legislativa, fornendo un ulteriore servizio ai genitori separati/divorziati nell’interesse preminente dei figli

COMMESSAGGIO – Commessaggio ha il suo piccolo grande record: sarà il primo Comune del territorio mantovano ad istituire il Registro della Bigenitorialità. Il via libera il primo ottobre dal Consiglio Comunale che ha votato all’unanimità, alla presenza della Vice Presidente dell’Associazione Bi.Genitori Diritti dei Minori Cremona & Mantova Onlus, dopo che il provvedimento aveva incassato l’approvazione preventiva della Giunta.

L’istituzione del registro, pur senza alcuna rilevanza ai fini anagrafici, consente ad entrambi i genitori, divorziati o separati, di legare la propria domiciliazione a quella del proprio figlio residente nel comune. In tal modo le istituzioni che si occupano del minore possono conoscere i riferimenti di entrambi i genitori, rendendoli partecipi delle comunicazioni che riguardano la prole. Oggi, infatti, quando i coniugi interrompono il loro rapporto, anche se l’affido è condiviso, le comunicazioni sui figli – fra cui i moduli per l’iscrizione a scuola (come indicato nella circolare del MIUR prot. 5336) alle attività ludiche/sportive o le comunicazioni di carattere sanitario – vengono inviati solo al genitore presso il quale il minore risulta collocato.

Il Sindaco Alessandro Sarasini ha espresso soddisfazione per l’istituzione del registro che colma una lacuna legislativa, fornendo un ulteriore servizio ai genitori separati/divorziati nell’interesse preminente dei figli. Il servizio offerto è su base volontaria e può diventare un ottimo strumento di condivisione delle informazioni funzionali alla cura dei figli in condizioni di genitorialità fragile. Ringrazia l’Associazione per l’importante missione che sta promuovendo sul territorio mantovano.

La Vice Presidente dell’Associazione Bi.Genitori Francesca Cerati ha dichiarato che altri comuni del territorio mantovano sono nella fase di prossima adozione del Registro, in particolare il Comune di Solferino, Borgo Virgilio e nella prossima seduta di Consiglio ad ottobre sarà la volta del Comune di Bozzolo, che a causa di alcuni emendamenti e richieste di verifiche tecniche presentate dall’Opposizione ha sfiorato il podio.

Altri Comuni hanno manifestato l’interesse verso questo strumento e saranno supportati nel processo dalla nostra Associazione. La sensibilità espressa dalle Amministrazioni Comunali sul tema converge con l’imminente adozione del DDL Pillon che modificherà la legge sull’affido condiviso nell’ottica di una valorizzazione proprio del Principio della Bigenitorialità. Sarà proprio il Comune di Bozzolo ad ospitare il prossimo convegno dell’Associazione Bi.Genitori Diritti dei Minori Onlus il 19 ottobre presso la Sala Civica a partire dalle ore 15.30, convegno speculare a quello tenutosi a Cremona lo scorso venerdì 28 settembre.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Silvio Pammelati

    Avvenire del 22/09/18 pag. 2

    FREQUENTAZIONE DEI PARENTI DA PARTE DEI MINORI

    Gentile direttore, la frequentazione dei parenti da parte dei minori è contrassegnata con “rapporti significativi” nel nuovo testo Pillon dell’affidamento condiviso così come nel precedente. Non condivisibile. Si rischia che la frequentazione dei parenti sia realizzata mentre uno dei due genitori è libero e disponibile a seguire i figli. Per una giusta frequentazione dei figli basterebbe segnalare che un genitore può stare con i figli non meno di 12 giorni al mese e non più di 18 giorni al mese, in maniera diametralmente opposto all’altro. Il tutto in linea con le disponibilità di tempo dei due genitori. Silvio Pammelati Roma