Commenta

Via Tentolini piegata al
volere di uno solo, è
strada ad uso pubblico!

Lettera scritta da M.E. - Casalmaggiore

Egr. Direttore,

da 40 anni, Via Tentolini (la via che va da V.le Mazzini a Via Matteotti) è Strada privata ad uso pubblico. Non è una strada ad alto traffico, è frequentata dai residenti e da coloro che si recano in stazione ferroviaria.

Chi parcheggia, normalmente usa buonsenso e nessuno ha mai sostato nei pressi dei passi carrai. C’è chi, da un paio d’anni, perseguita chi parcheggia nei pressi del carraio (civico 11) condominio Mazzini II°, in quanto sostiene che quel lembo di strada appartiene al condominio Mazzini II°. Tutti i frontisti, catastalmente, sono proprietari fino alla mezzaria. Ma un condomino di codesto stabile non vuole che si parcheggi, asserendo che non c’è visuale all’uscita dal cancello, ma, l’impedimento sarebbe soltanto a sinistra: uscendo, poichè a destra, pur essendoci una strettoia, la visuale è perfetta!

Non ci crede nessuno! Si tratta di una fissazione che va soddisfatta con l’installazione di un archetto dissuasore. Per ottenere ciò, il condomino ha ‘convinto’ gli abitanti dello stabile sopracitato, al fine di ottenere la maggioranza in assemblea, da utilizzare per richiedere il permesso.

L’amministratore si è affrettato a richiedere al Comune il permesso per l’installazione di un dissuasore a protezione del carraio condominio Mazzini II°, tuttavia, la pratica è stata gestita male, dando per scontato che qualcuno in Comune avrebbe trovato un artificio per poter agire arbitrariamente.

Infatti, il permesso è stato rilasciato con faciloneria, confermando che quello scampolo di strada di mt 6, è di proprietà del condominio Mazzini II°, in modo tale da agire con la massima libertà, che contrasta con l’utilizzo pubblico! Via Tentolini è strada privata ad uso pubblico, e la collettività deve saperlo.

Pertanto, questi 6 metri, hanno soltanto lo scopo di accontentare un gruppo di cittadini ‘convinti’ da un condomino con idee di supremazia. L’archetto dissuasore installato arbitrariamente è anomalo, non ha alcuna utilità, intralcia il passaggio, è pericoloso e suscita l’ilarità dei passanti. Il permesso rilasciato, non ha fornito istruzioni precise riguardo le distanze e le modalità corrette per l’applicazione.

Se tutti i frontisti proprietari vantassero la proprietà fino alla mezzaria, dovremmo volare! Tutti possono parcheggiare in Via Tentolini, non ci sono storie, possiamo farlo anche nel lembo di quei 6 (preziosi) metri! Noi confinanti non parcheggeremo, anche se abbiamo diritto, onde evitare discussioni, tuttavia ci teniamo ad informare la collettività che Via Tentolini, anche con l’installazione fantasiosa di un “archetto selvaggio” è strada ad uso pubblico.

Cordiali saluti.

© Riproduzione riservata
Commenti