Commenta

Comuni Ricicloni, il dossier
di Legambiente premia
Commessaggio e Martignana

Complessivamente, i comuni rifiuti free (quelli in cui il residuo secco non riciclabile è inferiore ai 75 kg/abitante all’anno) in Italia sono 505, dei quali 386 nel nord. Di questi, 101 si trovano in Lombardia.

La 25ª edizione del Dossier Comuni Ricicloni di Legambiente premia Martignana quale comune della Provincia di Cremona più attento all’ambiente. Ma se analizziamo l’intero comprensorio Oglio Po in vetta troviamo Commessaggio. Legambiente iniziò nel 1994 a mettere a confronto i comuni italiani in funzione dei risultati conseguiti in termini di raccolta differenziata. Oggi, 25 anni dopo, i criteri sono cambiati grazie all’utilizzo esteso di buone pratiche. Oltre alla percentuale di raccolta differenziata, si considera il residuo secco indifferenziato in kg per abitante. Complessivamente, i comuni rifiuti free (quelli in cui il residuo secco non riciclabile è inferiore ai 75 kg/abitante all’anno) in Italia sono 505, dei quali 386 nel nord. Di questi, 101 si trovano in Lombardia. In generale, la nostra regione è al secondo posto alle spalle del Veneto (159 comuni), anche considerando ovviamente il peso degli abitanti sui risultati ottenuti. Il dossier che contiene le graduatorie è stilato ormai a livello regionale. Quello lombardo indica 299 comuni rifiuti free (evidentemente i parametri sono diversi), e di questi 47 si trovano in Provincia di Cremona. Ad emergere è Mantova con 59, seguita da Bergamo e Brescia con 49.

Complessivamente è importante sottolineare come 20 anni fa gran parte dei rifiuti lombardi finiva in discarica (80%), mentre oggi si è sceso a quota 0,6% (il conferimento diretto: quello complessivo è del 2,6%), avvicinandosi all’obiettivo di economia circolare. Se valutiamo la sola raccolta differenziata, Cremona, intesa come provincia intera, è seconda solo a Mantova (78,3% contro 86,6%). Scendendo a livello provinciale, Martignana dunque batte tutti: qui il residuo del secco è di soli 36,6 kg/abitante. Seguono Ripalta Arpina (43,1) e Gombito (43,7) in una classifica che premia l’area tra Cremona e il Cremasco. La seconda dell’area ad est di Cremona è infatti Volongo (18ª), quindi le altre casalasche Rivarolo del Re (21ª), Torre de’ Picenardi (23ª), Torricella del Pizzo (24ª) e San Martino del Lago (32ª). Sono solo 5 dunque i Comuni Rifiuti Free del Casalasco. Molto meno virtuosi gli abitanti delle province di Como (3 comuni), Lodi (2), Pavia, Sondrio e Lecco (1 solo). Se invece la graduatoria provinciale la facciamo sulla base del totale di raccolta differenziata (secondo il nuovo metodo), al primo posto c’è sempre un comune casalasco, Torricella del Pizzo con l’80,4%. Martignana è seconda con l’80,1%, terza Torre de’ Picenardi col 79,1%. Un podio, in questo caso, tutto casalasco.

E la parte mantovana del comprensorio? Detto del record provinciale della provincia virgiliana, tra i comuni Commessaggio è al quarto posto in provincia come produzione del secco (32,9 kg/abitante, dato dunque superiore a quello di Martignana, mentre il dato della differenziata è di 88,4%), Dosolo all’11esimo posto (39,7 kg/abitante, differenziata 87,8%), Marcaria al 15esimo posto (40,7 kg/abitante, differenziata 83,3%), Rivarolo Mantovano al 32esimo (50,3 kg/abitante, differenziata 82,9%), Gazzuolo al 34esimo (50,7 kg/abitante, differenziata 78,1%), Asola al 38esimo (53 kg/abitante, differenziata 82,8%), San Martino dall’Argine al 44esimo (57,2 kg/abitante, differenziata 81,1%), Bozzolo al 46esimo (58,2 kg/abitante, differenziata 81,9%), Acquanegra sul Chiese al 47esimo (58,8 kg/abitante, differenziata 77%), Sabbioneta al 50esimo (60,2 kg/abitante, differenziata 80,8%), Canneto sull’Oglio al 56esimo (66,4 kg/abitante, differenziata 74,5%).

CLICCA QUI PER VEDERE IL DOSSIER COMPLETO

V.R.

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti