Commenta

Ponte Po, il Consiglio di Stato
respinge il ricorso di Edilmecos:
"Prevalente l'interesse pubblico"

"Ritenuto che - si legge nel pronunciamento - nel bilanciamento dei contrapposti interessi, debba prevalere l’interesse pubblico alla prosecuzione dei lavori, consegnati il 10 dicembre 2018 ed in corso di esecuzione"

CASALMAGGIORE – I lavori di riparazione a Ponte Po andranno avanti sino alla loro conclusione (giugno di quest’anno). Il Consiglio di Stato ha infatti respinto il ricorso di Edilmecos, ricorso legato all’assegnazione dei lavori affidato a Coimpa.

La quinta sezione del Consiglio di Stato ha – così si legge nelle motivazioni – ritenute preponderanti, nel valutare gli interessi, quello legato all’interesse pubblico. “Ritenuto che – si legge nel pronunciamento – nel bilanciamento dei contrapposti interessi, debba prevalere l’interesse pubblico alla prosecuzione dei lavori, consegnati il 10 dicembre 2018 ed in corso di esecuzione”.

Questo è il terzo esito favorevole contro il ricorso della ditta ultima classificata nell’appalto per i lavori di ristrutturazione del ponte di Colorno. La ditta, che aveva partecipato, classificandosi ultima, alla gara d’appalto per lavori di ristrutturazione al ponte sul Po di Colorno – Casalmaggiore, indetta dalla Provincia di Parma. Edilmecos aveva fatto ricorso in via d’urgenza al Tar Emilia – Romagna, vedendosi respinta la richiesta di sospensiva.

Aveva quindi chiesto al Consiglio di Stato a Roma di annullare la sentenza del Tar, in via d’urgenza. Il Consiglio di Stato aveva rigettato l’urgenza. E ieri il Consiglio di Stato ha respinto anche l’appello nel suo insieme. Resta da emettere il giudizio di merito del Tar, che è già stato fissato per aprile.

Soddisfatto il Presidente della Provincia di Parma Diego Rossi. “Il terzo esito positivo sta a sottolineare ancora una volta il buon operato della Provincia di Parma. Stiamo lavorando con tutte le nostre forze per risolvere questo grave problema nel minor tempo possibile. Ricordo che siamo l’unica tra tutte le 6 Province che hanno ricevuto finanziamenti per i ponti sul Po che ha chiuso le gare e aperto i cantieri”

La consegna dei lavori alla cordata vincitrice dell’appalto, la Primo Micheli Officine meccaniche srl – Coimpa Consorzio Stabile Imprese associate, partita in dicembre, si è conclusa in via definitiva il 7 gennaio. Secondo il contratto, i lavori dovranno essere terminati entro 150 giorni, cioè il 5 giugno 2019. I lavori sono iniziati da più di una settimana, si stanno realizzando le piste di cantiere e gli impianti (baracche, servizi), è stato effettuato il disboscamento delle sterpaglie. Intanto in stabilimento a Brescia si stanno producendo gli acciai speciali che caratterizzano l’intervento.

Soddisfazione e sollievo esprime anche la Sindaca di Colorno Michela Canova: “Questo percorso verso la sistemazione del ponte è stata una sorta di corsa ad ostacoli: ora quelli più impegnativi sono stati superati. Ringrazio tutti quanti si sono spesi per arrivare fin qui, in primo luogo la Provincia di Parma che si è impegnata per evitare tutto quanto poteva essere di impedimento al buon esito della vicenda”.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti