Commenta

Torricella del Pizzo,
detriti e rifiuti alla Lanca
Gerole che preoccupano

L’accumulo è situato a 300 metri, oggi, dal corso del fiume ma come spiega Cristian Codazzi con la prossima piena potrebbe ritornare tutto nel fiume. Dunque all’inquinamento si sommerebbero altre problematiche.

TORRICELLA DEL PIZZO – Si chiama Lanca Gerole, sorge tra Torricella del Pizzo e Motta Baluffi ed è entrata nel progetto Parco Po, che fra pochi mesi dovrebbe rilanciare questa zona come una vera e propria oasi naturale, protetta da regolamenti specifici. Ma la vista di queste foto, onestamente, rammarica molto e fa apparire più lontano di quanto in realtà non sia quel futuro agognato. Le fotografie scattate da un appassionato del Grande Fiume mostrano infatti parecchia immondizia in quella zona che presto sarà “rinforzata” come oasi naturalistica. Colpevole di tutto questo, naturalmente, è l’uomo, in questo caso con l’assist dell’acqua fluviale che ha trasportato, durante l’ultima piena del Po di novembre, detriti e rifiuti, appunto, fino a qui. Dopo di che i rifiuti, in parte impigliati, in parte non più ripresi dalla corrente, qui sono rimasti.

La Lanca Gerole si può raggiungere anche a piedi da Torricella del Pizzo, pur essendo la zona in questione e della quale vi mostriamo le foto territorio parmense, ossia sponda sinistra del fiume. L’accumulo è situato a 300 metri, oggi, dal corso del fiume ma come spiega Cristian Codazzi, che ha scattato queste foto, con la prossima piena potrebbe ritornare tutto nel fiume. Dunque all’inquinamento si sommerebbero altre problematiche, ben note alla nostra provincia, che riguardano ponti e strutture sul Po, che potrebbero cedere sotto la spinta di accumuli di legname e rifiuti o comunque essere messe in forte crisi. Il caso della passerella pedonale di Pizzighettone crollata lo scorso autunno è emblematico.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti