Un commento

Bozzolo, Hope sulla strada
della guarigione. Alice Ferrari
"Quasi pronta per l'adozione"

"Oramai la degenza - scrive la veterinaria dal grande cuore - è di sua proprietà. Oggi le hanno portato dei giochi, un tiragraffi per passare il tempo. Il cammino è lungo ma i progressi eccezionali! La ferita inizia a chiudersi"

BOZZOLO – L’avevamo lasciata a combattere una brutta ferita causata da un grosso petardo lanciatole addosso da un sadico (o da un gruppo di sadici) in una cascina nella quale staziona una colonia felina. Per Hope va meglio, e non perderà l’uso della coda. Ad aggiornare la situazione la dottoressa Alice Ferrari, della clinica veterinaria di Bozzolo, che sin dal primo momento aveva deciso di prendersi cura del felino a sue spese.

“Oramai la degenza – scrive la veterinaria dal grande cuore – è di sua proprietà. Oggi le hanno portato dei giochi, un tiragraffi per passare il tempo. Il cammino è lungo ma i progressi eccezionali! La ferita inizia a chiudersi, le medicazioni sono molto più veloci e sporadiche. La coda l’abbiamo recuperata e non verrà amputata. E’ quasi ora di iniziare a cercarle una famiglia”.

Hope, ricordiamo, era arrivata in clinica nei primi giorni di gennaio gravemente ferita. Era stata la stessa Alice a spiegare il motivo per il quale aveva deciso di prendersene cura. Un motivo nobile: “Perché mi piacciono i casi disperati? Perché non c’è un manuale che ti dice cosa fare, un protocollo da seguire. C’è speranza, volontà, impegno e dedizione. In un certo modo mi sento come se salvare questa vita compensasse il male che le è stato fatto. E’ come riportare equilibrio in un mondo malato. E che vada a farsi fottere chi le ha fatto del male”.

Hope sta guarendo, grazie alla dottoressa e alla sua clinica. Grazie alla dedizione di una giovane veterinaria che la continuerà a seguire sino a quando la gatta, guarita, non troverà casa…

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Lp

    Grandissima dottoressa Ferrari e forza Hope.
    Ho particolarmente a cuore questo caso perchè anch’io ho un micio che si è salvato per miracolo. Aveva una brutta frattura alla colonna vertebrale e nessuno avrebbe scommesso sulla sua sopravvivenza e invece oggi, a quasi due anni di distanza dal brutto incidente, il micio sta meglio ed è diventato la mia ombra.