Commenta

Mercato di Casalmaggiore, nuova
disposizione dal 16 febbraio: più
accorpamento e spazio per i soccorsi

Si è prospettata la possibilità di liberare in parte il ring esterno rispetto a piazza Garibaldi, in particolare nello sbocco su e da via Cairoli, spostando proprio al centro, dunque sul cosiddetto “listone”, i banchi che verranno fatti traslocare.

CASALMAGGIORE – Il mercato settimanale del sabato a Casalmaggiore in piazza Garibaldi è pronto a cambiare volto. Accadrà dal prossimo 16 febbraio, quando verrà inaugurata la nuova disposizione dei banchi che mira ad ottenere due diversi obiettivi. Anzitutto però occorre una premessa: di questa novità – una piccola rivoluzione per quanto concerne un mercato purtroppo sempre meno affollato di banchi e sempre più ricco di spuntisti, ossia di bancarelle che si prendono all’ultimo momento i “buchi” rimasti, spesso abbassando la qualità generale – si parla da tempo e si è discusso nell’ultimo consiglio comunale casalese.

Proprio per la crisi del commercio e i problemi legati alla scarsa frequentazione del mercato stesso, con un colpo d’occhio a tratti pure deprimente, si è passato da oltre un centinaio di stalli circa inizialmente assegnati e occupati a una settantina di bancarelle effettivamente presenti nei giorni in cui va meglio. Di fatto un quarto in meno, non poco. Da qui la possibilità di liberare in parte il ring esterno rispetto a piazza Garibaldi, in particolare nello sbocco su e da via Cairoli, spostando proprio al centro, ossia sul cosiddetto “listone”, i banchi che verranno fatti traslocare.

Nella foto la piantina del nuovo mercato

In questo modo si avrà una concentrazione maggiore di bancarelle che non stona all’occhio e può risultare anche più funzionale per chi va a fare spesa, creando di contro una maggiore ariosità nei punti in cui le bancarelle verranno spostate. Non solo: liberare la strada percorribile davanti al palazzo municipale consentirà il passaggio anche di mezzi a motore, che ovviamente non possono essere auto private, ma magari, in caso di emergenza, ambulanze o mezzi di soccorso.

E’ infatti accaduto, in qualche caso, che il transito fosse reso difficoltoso dalla presenza di bancarelle: in questo modo si dovrebbe risolvere una complicazione almeno su quel lato della piazza, che viene lasciato libero per consentire un più comodo ingresso dei mezzi stessi. Nulla cambia, invece, in piazza Turati, o piazza vecchia, dietro il palazzo comunale, dove il posizionamento dei banchi sarà lo stesso di prima.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti