Commenta

Rete Bibliotecaria, accordo
Mantova-Brescia per una
migliore fruizione del servizio

Con il decreto del presidente Beniamino Morselli si approva il nuovo protocollo che risponde ai principi di razionalizzazione di procedure e risorse e alla costante ricerca di soluzioni gestionali che consentano economie di scala.

MANTOVA – Adesione della Provincia di Mantova al protocollo d’intesa con l’Amministrazione provinciale di Brescia e il Comune di Mantova per la condivisione dei servizi bibliotecari. Di fatto si tratta della prosecuzione della collaborazione partita nel 2017 attraverso uno specifico Protocollo d’Intesa che era scaduto il 31 dicembre 2018.

Con il decreto del presidente Beniamino Morselli si approva il nuovo protocollo che risponde ai principi di razionalizzazione di procedure e risorse e alla costante ricerca di soluzioni gestionali che consentano economie di scala. La Provincia di Mantova è l’ente costitutore e titolare della banca dati del catalogo bibliografico utilizzato dalla rete delle biblioteche dei comuni mantovani; inoltre l’ente di Palazzo di Bagno è responsabile della gestione e dell’incremento del catalogo bibliografico e concorre all’attuazione della funzione prioritaria delle biblioteche che è quella di favorire il maggiore accesso pubblico. Per capire meglio il senso del protocollo va ricordato il principio di cooperazione che sta alla base dell’organizzazione delle biblioteche mantovane, prima organizzate in tre sistemi e dal 2018 confluite nel Sistema unico della Rete delle Biblioteche Mantovane.

La Provincia di Mantova coordinerà con quella di Brescia e con la Rete delle Biblioteche le attività necessarie alla piena riuscita delle attività, collaborerà alla stesura dei documenti di programmazione; curerà l’aggiornamento degli operatori delle biblioteche, promuoverà proposte finalizzate al progressivo rafforzamento della cooperazione, contribuirà con proprio personale specializzato al supporto catalografico e alla manutenzione bibliografica della banca dati della Rete Bibliotecaria.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti