Commenta

Panguaneta inserita tra
le 600 PMI italiane dall'inserto
"L'Economia" del Corriere della Sera

"Siamo molto orgogliosi di questo risultato, che è un'ulteriore conferma del nostro impegno a investire e far crescere un'azienda famigliare giunta alla terza generazione che non ha mai smesso di credere nel futuro" afferma Nicoletta Azzi, AD Panguaneta.

SABBIONETA – Panguaneta, nota azienda con sede a Sabbioneta, è stata premiata come una delle 600 PMI italiane che trainano l’economia del Paese: il riconoscimento arriva dall’analisi condotta dal Centro Studi di Italy Post per L’Economia, il settimanale finanziario del Corriere della Sera, presentata durante l’evento “L’Italia genera futuro”.

Panguaneta è un’azienda leader a livello mondiale per la produzione di compensato in pioppo che ha registrato negli ultimi anni delle straordinarie performance di crescita grazie a importanti investimenti in innovazione e tecnologia e ad un ampio rinnovamento degli impianti produttivi, facendo della sostenibilità d’impresa e delle certificazioni ambientali una leva competitiva. I risultati raggiunti da Panguaneta rispondono ai criteri imposti dall’Ufficio Studi di Italy Post per rientrare tra le 600 piccole medie aziende italiane più virtuose, a conferma della capacità dell’azienda mantovana di rispondere con concretezza, flessibilità e solidità alle sfide del mercato globale. Tra i requisiti di eccellenza richiesti: analisi di bilancio e redditività, management e organizzazione, vocazione all’internazionalizzazione, capacità di generare alti livelli occupazionali, approccio basato sulla volontà di investimento e sviluppo.

Il fatturato di 72.042 milioni di euro nel 2017 garantisce a Panguaneta un rating tra i migliori dei Champions, anche grazie a una crescita media annua tra il 2011 e il 2017 stimata intorno all’8%. Panguaneta è un’azienda moderna e competitiva che ha investito per rendere sempre più efficiente e sostenibile tutto il processo di produzione, una realtà famigliare che ha saputo crescere e reinventarsi investendo i propri utili per l’innovazione di processo e di prodotto aprendosi a tutto il mondo. Panguaneta oggi esporta l’85% della sua produzione in 25 Paesi.

Panguaneta ha integrato alle competenze delle sue maestranze e al know how costruito in 60 anni di storia nuove tecnologie e strumenti per essere più veloci, flessibili e competitivi nella propria nicchia di mercato, ad alto tasso di specializzazione. Un percorso che è parte del DNA aziendale e che ha l’obiettivo di garantire la massima qualità del prodotto, creare nuovi modelli di business e rendere la produzione industriale sempre più automatizzata e interconnessa, come richiesto da un mercato globalizzato e in costante evoluzione.

La crescita di Panguaneta è un valore aggiunto per il suo territorio, al quale offre un importante contributo allo sviluppo economico e occupazionale. L’azienda è un esempio di PMI manifatturiera italiana che affonda le sue radici nei principi di solidità e trasparenza, valori che si rispecchiano nella gestione finanziaria: l’indicatore di redditività Ebitda medio nell’ultimo triennio è pari al 10,54% e l’indebitamento per il 2017 è del 57,92%.

“Siamo molto orgogliosi di questo risultato, che è un’ulteriore conferma del nostro impegno a investire e far crescere un’azienda famigliare giunta alla terza generazione che non ha mai smesso di credere nel futuro – afferma Nicoletta Azzi, AD Panguaneta. Proprio in questi anni attraversati da profondi cambiamenti sia nella società che nei mercati, crediamo che sia necessario continuare coraggiosamente a investire per l’innovazione e per una produzione responsabile, creando valore per la nostra azienda e per il nostro territorio. Siamo impegnati per il prossimo futuro a sviluppare ulteriori progressi lavorando come sempre in sinergia con tutta la nostra filiera. Si tratta di un grande impegno che ci invita a non camminare da soli, ma a crescere insieme ai nostri partner, e ad essere ambasciatori in tutto il mondo della manifattura italiana e della filiera corta del pioppo Made in Italy”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti