Commenta

Rotaract sempre
attivo: la solidarietà,
quella giovane e bella

I giovani del Rotaract aspettano nuovi amici con cui condividere impegno e passioni, per spendersi in piccole-grandi avventure di solidarietà, in spirito di amicizia e collaborazione.

Sostegno e progetti a favore di Aido, Confido, Croce Rossa e Verde, Telefono Azzurro, vittime del terremoto nel centro Italia, e poi donazioni di defibrillatori, supporto a mostre, a eventi culturali e sportivi, a ospedali… Sono solo alcune delle iniziative che negli ultimi anni sono state portate avanti dal Rotaract Club Casalmaggiore Viadana Sabbioneta, composto attualmente da 7 soci e capitanato da una instancabile Clara Maffezzoli.

Proprio lei, sabato 23 marzo, ha diretto la serata di festeggiamento dei 50 anni del club, fondato nel maggio del 1969 dal pregresso Gruppo Giovani: con lei, al tavolo dei relatori, il presidente del club “padrino” Gianluca Bocchi, il governatore del Distretto 2050 Renato Rizzini, il rappresentante distrettuale del Rotaract Samuele Soldo e Mauro Acquaroni, presidente della commissione dedicata ai giovani del RC Casalmaggiore Viadana Sabbioneta.

Maffezzoli ha riassunto in poche parole l’impegno a favore del territorio che è stato portato avanti in questi 50 anni, con particolare riguardo a quanto realizzato nell’ultimo periodo: non potevano che essere parole di elogio e di sprono quelle espresse da ciascuna autorità al suo fianco, perché davvero questo esiguo gruppo di giovani sta prodigandosi con grande entusiasmo per la comunità.
Due targhe speciali sono state attribuite a Giorgio Penazzi, che nel ’69 fu il primo presidente dell’appena nato Rotaract, e a Stanislao Cavandoli, che già nel 1962 aveva fondato il Gruppo Giovani del CVS: assente per motivi di salute, ha ritirato il riconoscimento Gianluca Bocchi, che ha letto ai tanti presenti un messaggio dello stesso Cavandoli in cui veniva ricordato lo spirito di quel sodalizio: “C’era, come fondamento del gruppo, il sentimento di volersi distinguere: non per categorie, ma per una visione fortemente connotata dall’impegno a migliorarsi, arricchendo la nostra formazione culturale…”

La splendida voce di Noemi Farina, accompagnata da Luca Maroli, ha fatto da colonna sonora alla serata. I giovani del Rotaract aspettano nuovi amici con cui condividere impegno e passioni, per spendersi in piccole-grandi avventure di solidarietà, in spirito di amicizia e collaborazione.

Letizia Frigerio

© Riproduzione riservata
Commenti