Commenta

Riccardo Ronda, enfant
prodige casalese, incanta il
comunale al pianoforte

La scaletta difficilissima e virtuosa, eseguita alla perfezione, mani veloci, morbide e armoniose, l’indiscutibile talento, il feeling profondo e una preparazione degna di un fuori classe, hanno sortito una esecuzione pari solo a quelle dei grandi

CASALMAGGIORE – Sabato 6 Aprile, nella cornice dello splendido teatro comunale di Casalmaggiore, si è esibito il musicista casalasco Riccardo Ronda in un concerto per pianoforte. Teatro pieno, performance di altissimo livello. Chi conosce Riccardo lo sa, è un talento eccelso. E lo ha dimostrato molto bene e senza sconti, sabato scorso, al pubblico copioso composto dai suoi concittadini. La scaletta difficilissima e virtuosa, eseguita alla perfezione, mani veloci, morbide e armoniose, l’indiscutibile talento, il feeling profondo e una preparazione degna di un fuori classe, hanno sortito una esecuzione pari solo a quelle dei grandi. Anche chi non è addentro a quel genere di musica e non ne ha una preparazione che consenta un giudizio tecnico, non ha potuto evitare di estasiarsi. Riccardo, a fine concerto, è stato applauditissimo e più volte richiamato sul palco, la gente non voleva andarsene!! Riccardo è giovanissimo ha solo 22 anni e ha già raggiunto una preparazione e una capacità di esecuzione che solo i musicisti di altissimo livello hanno. Il papà Roberto, a sua volta bravissimo al pianoforte fin da bambino, si accorge subito dell’inclinazione del figlio e lo accompagna nel percorso di crescita appoggiandolo in tutte le scelte di formazione.

Ricky nasce nel 1997, intraprende lo studio del pianoforte con Milo Martani e Cristiano Paluan per poi affidarsi alla guida di Luigi di Ilio. Successivamente si iscrive al Conservatorio Arrigo Boito di Parma e diviene allievo di Roberto Cappello e Francesco Guideri. Attualmente studia presso il Conservatorio, sito nel cantone italiano della Svizzera dove frequenta i corsi di Anna Kravtchenko e di improvvisazione pianistica con Galina Vracheva e di organo con Stefano Molardi. Ha frequentato corsi di perfezionamento con Lucia Passaglia, Roberto Cappello, Benedetto Lupo, Andrea Lucchesini e Jean Guillou. Alle spalle ha già parecchie esibizioni pubbliche importanti, da citare quelle con l’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna, Arturo Toscanini, sotto la direzione di Antonio De Lorenzi. Ha eseguito, per la Radio di Stato Bulgara in Plovdiv, la monumentale Sonata per pianoforte di Julius Reubke. Si è esibito presso il Misano Piano Festival, il Trimontiada Festival (Plovdiv), la Filarmonica di Rovereto (con il violinista Teofil Milenkovic), l’AMI di Rovereto, il San Giacomo Festival di Bologna, la Basilica della Steccata in Parma, Hall in Musica del LAC di Lugano e, finalmente, presso il Teatro Comunale di Casalmaggiore. Ha vinto parecchi concorsi nazionali tra cui spicca il Concorso Giovannini di Reggio Emilia. Ora sta terminando il Bachelor in music performance a Lugano, dove si laureerà a Giugno. Un enfant prodige, un talento immenso, una capacità unica di esecuzione, una buona dose di virtuosismo e uno studio serrato e costante non hanno però impedito a Riccardo di essere un ragazzo “nostrano”, semplice, con le voglie e le esigenze di tutti i ragazzi della sua età: uscire con gli amici, divertirsi e godersi la spensieratezza dei vent’anni anche se, quando lo studio chiama, l’impegno che ci mette è totale. Riportiamo qui la scaletta del concerto affinché ci si possa rendere conto della difficoltà dei brani scelti ed eseguiti in maniera esemplare.

Domenico Scarlatti (1685-1757): Sonata K531 in Mi Maggiore – Sonata K159 in Do Maggiore

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791): Sonata K330 in Do Maggiore

Franz Liszt (1811-1886) Après une Lecture de Dante: Fantasia quasi Sonata

Sergej Vasil’evič Rachmaninov (1873-1943) Sonata n. 2 (Seconda versione)

L’ennesimo fiore all’occhiello per Casalmaggiore, l’ennesimo giovane talento che dona fierezza alla nostra città.

Giovanna Anversa

© Riproduzione riservata
Commenti