Commenta

Capriolo recuperato in via
Trieste, encomiabile intervento
della Municipale e di ATS

"L'animale - ha spiegato Montinaro - è in buono stato. Ora verrà portato a Calvatone dove verrà curato e poi liberato nel suo ambiente naturale. Nonostante fosse stato immobilizzato appena gli abbiamo dato l'acqua ha bevuto"

CASALMAGGIORE – Non era mai successo che un selvatico – in questo caso un capriolo – si addentrasse così profondamente nei meandri della città. Stamattina un esemplare, un giovane maschio, è stato recuperato nel cortile interno di una palazzina di via Trieste grazie al provvidenziale intervento degli uomini della Polizia Municipale cittadina.

L’esemplare ferito (si era incastrato nella ringhiera e dibattendosi si era procurato escoriazioni) è stato immobilizzato e coperto, tenuto fermo nell’attesa – come da procedura – dell’intervento della Polizia Provinciale e del servizio veterinario di ATS. Sul posto è intervenuto il dottor Marco Montinaro che, verificate le condizioni buone dell’esemplare ha disposto il trasporto al CRAS di Calvatone, seguendo personalmente l’auto – messa a disposizione dal comune di Casalmaggiore – che ha trasportato il capriolo sino a Calvatone.

“L’animale – ha spiegato Montinaro – è in buono stato. Ora verrà portato a Calvatone dove verrà curato e poi liberato nel suo ambiente naturale. Nonostante fosse stato immobilizzato appena gli abbiamo dato l’acqua ha bevuto”.

Un’operazione, quella del recupero, che ha attirato sul posto numerosi curiosi e che ha visto anche l’arrivo di un mezzo dei carabinieri di Casalmaggiore. Le persone sono state tenute a debita distanza per non spaventare il capriolo ferito. Qualcuno ha portato da bere agli uomini impegnati nel recupero. La gestione del tutto, da parte prima della Polizia Municipale e poi della Polizia Provinciale e di ATS è stata encomiabile. Una nota di merito a tutti loro.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti