Commenta

Casalmaggiore, stasera
a teatro il Jazz Day cerca
un nuovo "tutto esaurito"

I fondi raccolti dalla serata saranno destinati in beneficenza e andranno in parte proprio al progetto di musica nelle scuole già attivo da qualche anno. Un motivo in più per non mancare…

CASALMAGGIORE – In passato non ha mai deluso, facendo trovare il Teatro Comunale sempre esaurito e soprattutto annullando, o comunque riducendo sensibilmente, come spiegò in conferenza stampa di presentazione uno degli organizzatori, Gianpietro Lazzari, la distanza tra pubblico e spettatori. C’è attesa anche per questo martedì sera alle ore 21 al teatro casalese di via Cairoli per l’ottava edizione del Casalmaggiore Jazz Day.

Estudiantina, Comune e volontari – perché i musicisti suoneranno per il piacere di suonare in una reunion che coinvolge artisti da varie province – hanno organizzato questo momento culturale. L’ingresso è a offerta libera, ma occorre prenotarsi presso la Tabaccheria Anversa in piazza Garibaldi, mentre la scelta della data è dettata dal fatto che proprio il 30 aprile è la giornata mondiale dedicata dall’Unesco al Jazz. Marco Goi ha curato la grafica delle spillette che saranno consegnate agli spettatori dopo la prenotazione del posto, Andrea Acquaroni, Gianpietro Lazzari, Luca Bernardi, Stefano Asinari e Silvio Buzzi hanno curato l’organizzazione, mentre l’appoggio logistico è giunto da Giuseppe Romanetti, direttore artistico del Teatro, e dall’Estudiantina, con il presidente Cesare Visioli e il suo predecessore Claudio Acquaroni.

L’obiettivo è riportare la gente vicino alla musica. Guardando soprattutto ai giovani. Questo evento infatti consentirà di proseguire un progetto che mira a divulgare la musica nelle scuole e questo è senza dubbio uno dei motivi per i quali l’iniziativa merita di essere sostenuta. Anche per questo vari sponsor contribuiscono: il progetto portato avanti nella scuola elementare Marconi di Casalmaggiore e nella scuola elementare di Vicobellignano coinvolge già 300 bambini e, dalla parte teorica a quella pratica, insegna a conoscere suoni e magie della musica, imparando le peculiarità di ogni singolo strumento. I fondi raccolti dalla serata saranno destinati in beneficenza e andranno in parte proprio al progetto di musica nelle scuole già attivo da qualche anno. Un motivo in più per non mancare…

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti