Commenta

Viadana, spunta un progetto
per il "Bertolani". Ma l'Uc
Viadana così rischia lo "sfratto"?

"Le voci si rincorrono e pare che in quella area possa sorgere un centro federale della FIGC promosso da un imprenditore emiliano che inesorabilmente potrebbe comportare lo sfratto del “Viadanone” dalla storica sede di Via al Ponte": a scriverlo il gruppo Viadana Davvero 2020.

VIADANA – La pulce nell’orecchio (e che pulce!) è stata messa dalla pagina Facebook del gruppo politico “Viadana Davvero 2020”, una sorta di laboratorio civico in vista delle elezioni del 2020. Ma la notizia è molto più immediata e soprattutto ha effetti attuali.

“E’ notizia di questi giorni che una società diversa dalla gloriosa Uc Viadana ha chiesto al Comune di poter disporre degli impianti di Via al Ponte per dar vita ad una nuova iniziativa – si legge – . Le voci si rincorrono e pare che in quella area possa sorgere un centro federale della FIGC promosso da un imprenditore emiliano che inesorabilmente potrebbe comportare lo sfratto del “Viadanone” dalla storica sede di Via al Ponte. Ma siamo sicuri ne valga la pena? Qualcuno vuole spiegare ai tanti cittadini che frequentano quella zona e alle decine di famiglie coinvolte nelle varie attività sportive gialloblu cosa sta succedendo? In questo progetto l’amministrazione intende dar corso anche alla riqualificazione dello spazio Arena abbandonato da anni all’incuria e al degrado? Speriamo qualcuno ci voglia rispondere spiegando cosa succede. Sono in tanti a chiederselo con preoccupazione”.

Dubbi non di poco conto e anche la tempistica non appare casuale: nelle prossime settimane, infatti, il comune dovrà pubblicare un nuovo bando di gestione del “Bertolani”, che sino al 31 dicembre 2019 è in concessione all’Uc Viadana. Già, ma successivamente a quella data cosa accadrà? Dubbi alimentati che non lasciano del tutto tranquilla una società gloriosa come quella gialloblu, oggi in Prima categoria (ma in passato anche in D) e che festeggia proprio in questo 2019 gli ottanta compleanni di attività.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti