Cucina e Gastronomia
Commenta

Parma, la casalasca Maura Gigatti eletta migliore Sommelier d'Emilia. E ora le finali nazionali

Adesso la possibilità di confrontarsi con i migliori sommelier italiani per giocarsi tutte le sue carte e la profonda conoscenza maturata in questi anni, frutto di passione, di studio e di ricerca

PARMA – E’ Maura Gigatti la miglior sommelier dell’Emilia. E parteciperà di diritto alle fasi finali nazionali. Maura Gigatti, contitolare insieme a Damiano Chiarelli del ristorante ‘I du Matt’ di via San Leonardo a Parma ha vinto la tenace concorrenza maschile.

Il 19 giugno è stata una data storica per l’Associazione Italiana Sommelier. E’ nato infatti quest’anno da un’idea progettuale di AIS EMILIA che vede la collaborazione dei Consorzi vitivinicoli del territorio emiliano, il primo ‘Concorso Miglior Sommelier dell’Emilia’, un appuntamento annuale che premia il miglior candidato appartenente ad una delle sei delegazioni emiliane che avrà inoltre accesso di diritto alle semifinali del concorso per il miglior Sommelier d’Italia. Un evento che è contemporaneamente un traguardo e un trampolino di lancio per riconoscimenti nazionali ed internazionali.

Nella splendida cornice di Villa Edvige Garagnani di Zola Predosa, prestigiosa sede del Consorzio dei vini dei Colli Bolognesi, alla presenza del Presidente Regionale Annalisa Barison, del Presidente Nazionale Antonello Maietta, del Responsabile Nazionale Concorsi Cristiano Cini e del Responsabile Scuola Concorsi AIS Emilia Roberto Gardini, si è svolta nella mattinata del 19 giugno scorso la prova scritta del Concorso che ha selezionato i quattro migliori semifinalisti.

Nel pomeriggio la fase finale aperta al pubblico, con prove pratiche di servizio, degustazione e comunicazione, ha decretato la vittoria di Maura Gigatti (delegazione di Parma) sul secondo classificato Manuel Pianazzi (delegazione di Bologna). Terzi a pari merito Isacco Giuliani (delegazione di Ferrara) e Francesco Guida (delegazione di Modena). A seguire la premiazione un banco d’assaggio dei vini dei cinque Consorzi coinvolti nel Premio: Consorzio Tutela Vini D.O.C. Colli Piacentini, Consorzio Volontario per la Tutela dei Vini D.O.P. “Colli
di Parma”, Consorzio Vini Colli Bolognesi, Consorzio Pignoletto, Consorzio Doc Bosco Eliceo.

Maura non è al primo riconoscimento della sua carriera: è stata campionessa del master sul Lambrusco prima e su quello dedicato al Primitivo poi. Ma questo premio è sicuramente tra i più prestigiosi. Adesso la possibilità di confrontarsi con i migliori sommelier italiani per giocarsi tutte le sue carte e la profonda conoscenza maturata in questi anni, frutto di passione, di studio e di ricerca.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti