Commenta

Anche San Martino dall'Argine
è comune amico delle api: ecco
cosa comporta la scelta del consiglio

Contenta dell’esito è la promotrice dell’iniziativa Emanuela Bottoni, Presidente dell’associazione ambientalista Giubbe Verdi di San Martino dall’Argine: "Le api, qui nel mantovano, hanno sempre più alleati!".

SAN MARTINO DALL’ARGINE – “Lo scorso 27 giugno il consiglio comunale di San Martino dall’Argine, all’unanimità, ha aderito – spiega il Vicesindaco Cedrik Pasetti – all’iniziativa “comune amico delle api”, un’iniziativa internazionale che coinvolge paesi del Mediterraneo e promuove il valore dell’apicoltura come bene comune sociale. La campagna mira a proteggere e sostenere le api e l’apicoltura come fattori fondamentali per preservare la biodiversità e migliorare la sicurezza alimentare, come bene comune indispensabile e inalienabile: sentinelle dell’ambiente, produttrici di cibo e garanti della nutrizione umana. Attraverso attività d’informazione e sensibilizzazione che riescano a promuovere l’adozione di comportamenti individuali e collettivi a tutela dell’apicoltura, si vuole perciò diffondere il messaggio chiave “Apicoltura Bene Comune” con obiettivi la salvaguardia dell’ambiente e la riqualificazione dei territori. Questa iniziativa vuole essere a supporto anche di un’agricoltura sostenibile ma non contro l’attività agricola che rimane, anche per il paese di San Martino, un settore fondamentale e da tutelare”.

Il Sindaco Alessio Renoldi spiega: “Siamo pienamente soddisfatti dell’approvazione della proposta di delibera presentataci dall’associazione Giubbe Verdi la quale si è fatta promotrice di una battaglia che riteniamo doverosa ed importante per la tutela dell’ambiente. Tutta l’amministrazione comunale è molto sensibile al tema così come da anni combattiamo ogni battaglia a favore dell’ambiente. La tutela della biodiversità e dello sviluppo sostenibile sono valori per un ambiente sano”.

Contenta dell’esito è la promotrice dell’iniziativa Emanuela Bottoni, Presidente dell’associazione ambientalista Giubbe Verdi di San Martino dall’Argine: “Le api, qui nel mantovano, hanno sempre più alleati! Il progetto “Comune amico delle api” sta crescendo e coinvolge diversi Comuni Virtuosi: siamo partiti con la città di Curtatone, a seguire il Comune di Rivarolo Mantovano ed oggi San Martino dall’Argine, dove abbiamo la nostra sede; ci sono altri Comuni interessati e speriamo presto di poterli annoverare in questo gruppo; parliamo della città di Sabbioneta ed il Comune di Marcaria. Una bella ed importante collaborazione fra diverse realtà nel mantovano; Da questo progetto stanno nascendo delle importanti idee e strategie per tutelare le api e la biodiversità in generale; valorizzare ed incentivare l’apicoltura locale; promuovere il territorio ed il cibo di qualità.  Con questo progetto, inoltre, si cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica verso il delicato e sempre più attuale problema della tutela ambientale. Ognuno può dare il proprio contributo per migliorare le cose e fare qualcosa di concreto. Tutti noi facciamo parte del territorio che ci circonda, ne siamo parte integrante e ce ne dobbiamo prendere cura”.

In particolare, diventando comune amico delle api degli enti territoriali si impegnano a:
• Rispettare gli impegni inseriti nella Delibera di adesione, ovvero:
• Sostenere nella propria comunità locale lo sviluppo delle attività apistiche in maniera diffusa sul territorio, come opportunità di reddito e inclusione sociale;
• Includere e incrementare nella pianificazione del verde pubblico la coltivazione di specie vegetali gradite alle api;
• Porre grande attenzione ai trattamenti sulle alberate cittadine, da evitare in fioritura e in presenza di melata;
• Ridurre progressivamente, fino ad eliminarlo, l’uso di erbicidi nella manutenzione dei cigli stradali e negli spazi verdi pubblici;
• Promuovere una riflessione e un dibattito sia all’interno del Consiglio Comunale sia nella comunità locale coinvolgendo i cittadini e i principali portatori di interesse, sull’utilizzo degli agro farmaci in agricoltura e sul loro impatto sull’ambiente e sulla salute, e su possibili strategie di valorizzazione e salvaguardia del territorio che passino attraverso il recupero e l’adozione di buone pratiche agricole incentrate sulla sostenibilità;
• Intraprendere un’azione di lotta alle zanzare concentrandosi sulla prevenzione e privilegiando interventi larvicidi basati sull’uso di prodotti biologici (a base di Bacillus thuringiensis israelensis);
• Promuovere e sostenere iniziative a sostegno dell’apicoltura – eventi, mostre, convegni, premi, etc. – anche in collaborazione con altri Comuni, ivi incluso la realizzazione di azioni concrete e simboliche nella propria città al fine di sensibilizzare la cittadinanza, quali ad esempio la realizzazione di un “Giardino delle api” (con piante nettarifere o aromatiche, e eventuali arnie dimostrative), l’ideazione di percorsi didattico-informativi, l’utilizzo delle api come tema artistico-decorativo nei progetti di riqualificazione urbana e di decoro della città (sul modello street art), etc.;
• Promuovere iniziative d’informazione e sensibilizzazione sul valore di Bene Comune dell’Apicoltura, coinvolgendo in particolare le scuole di ogni ordine e grado del proprio territorio.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti