Commenta

Rugby Viadana, mercato
ormai nel vivo: arrivano
i colpi Finco e Mannucci

Le parole del general manager Ulises Gamboa: "Mannucci è uno dei giovani emergenti della Cadetta, ha fatto il suo percorso di crescita e vogliamo dargli la possibilità di mettersi in gioco".

VIADANA – Doppio colpo del Rugby Viadana. Per il primo si tratta di un ritorno, ovvero l’utility back Ramiro Finco, classe 1992, 180 cm per 95 kg, proveniente da Buenos Aires. Atleta dal grande talento, particolarmente a suo agio nell’uno contro uno, può giocare sia centro che ala, ma ha le doti per coprire tutti i ruoli dei tre quarti. In passato ha vestito anche la maglia dei Jaguares e dei Pumas Seven, nel 2012 della Nazionale argentina Under 20, giocando anche il Mondiale di categoria.

Le parole del general manager Ulises Gamboa: “Un giocatore che può ricoprire diversi ruoli nei trequarti con un piede potente, esplosivo e veloce. Abbiamo scelto lui perchè conosciamo la qualità umana del giocatore che stiamo riportando a casa, è un generoso in campo e come Nacho Spinelli sarà fondamentale per finalizzare e concretizzare le azioni”.

Mannucci nato il 25 marzo 1998 a Fabriano (AN), è alto 191 cm e pesa 101 kg. Paolo inizia a giocare a rugby nel club della Città di Castello, all’età di 15 anni indossa la maglia biancorossa del CUS Perugia Rugby per due stagioni, concludendo poi le giovanili a Viadana. Nel 2017 è passato al club affiliato dei Caimani Rugby per fare esperienza in serie B e ora si dichiara pronto per la prima squadra del Rugby Viadana 1970: “Sono consapevole di dover lavorare ancora molto, ma sono determinato a dimostrare alla società le mie qualità e la mia crescita avvenuta in questi anni a Viadana”.

Le parole del general manager Ulises Gamboa: “Mannucci è uno dei giovani emergenti della Cadetta, ha fatto il suo percorso di crescita e vogliamo dargli la possibilità di mettersi in gioco. E’ un giocatore che dovrà trovare la sua continuità, il suo spazio, sacrificandosi tanto e lavorando duramente per dimostrare il suo valore”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti