Commenta

Palio della Contrade,
vince Carrobbio ma trionfa
il paese di San Martino

La sfilata in musica per le vie del paese, con alcuni punti di ristoro sistemati qua e là in punti strategici, ha animato San Martino dall’Argine, che già sabato sera aveva vissuto un bel momento di comunità con la cena all’aperto. FOTOGALLERY

SAN MARTINO DALL’ARGINE – Ha vinto il Carrobbio nella corsa delle oche che ha animato la domenica del Palio delle Contrade. Ma più in generale possiamo dire che ha vinto il paese di San Martino dall’Argine: vivace, pieno di gente, capace di riportare in auge, da un po’ di stagioni, una tradizione ideata nel 1980 da don Mario Marinoni e che era scomparsa a inizio anni Duemila, per poi riprendere con slancio e vigore.

La corsa delle oche, appunto, dove i tre pennuti, ciascuno in rappresentanza di una delle tre contrade che compongono San Martino dall’Argine, devono correre sull’erba, compiendo tre giri di un percorso circolare, il tutto rispettando il benessere dell’animale (che infatti corre senza guinzaglio): vince ovviamente la prima oca (dunque contrada) arrivata. E il successo ha arriso al Carrobbio, in un tifo da stadio che si ripete ad ogni gara di questo genere.

Va detto però che tale corsa è stata solo la chiusura di un palio che è durato tre giorni in totale: il Carrobbio ha vinto anche i giochi popolari che sono stati organizzati venerdì sera (tiro alla fune e similari), confermandosi dunque la contrada più forte in questo 2019. Pari e patta, invece, per originalità e spunti, nella sfilata con i carri allegorici che, sempre domenica, hanno accompagnato l’intero paese fino alla corsa delle oche, fissata nel tardo pomeriggio. Il Carrobbio s’è ispirato ai Flintstones, gli uomini preistorici lanciati da Hanna-Barbera, la Piazza ha preso spunto dai Minions, cartoon molto più recente, mentre il Vegro ha riprodotto i personaggi di uno dei videogiochi Nintendo più amati di sempre, ossia Super Mario Bros.

La sfilata in musica per le vie del paese, con alcuni punti di ristoro sistemati in punti strategici, ha animato San Martino dall’Argine, che già sabato sera aveva vissuto un bel momento di comunità con la cena all’aperto. Intanto il paese si prepara all’evento clou della stagione, ossia la Fiera della Madonnina, che si terrà dal 5 al 9 settembre e che affonda le sue radici addirittura a fine 1600.

G.G.

 

© Riproduzione riservata
Commenti