Commenta

"Io clicco positivo", evento
con gli scout a Bozzolo
per combattere il cyberbullismo

La Fondazione raccoglie la sfida di Paolo Picchio, il papà di “Caro”, per aiutare i ragazzi che, sempre più in tenera età, si fanno del male tra loro usando la rete in maniera distorta e inconsapevole.

BOZZOLO – Venerdì 6 settembre alle ore 21 all’interno della festa dell’oratorio di Bozzolo, il gruppo scout Agesci Bozzolo 1 e l’Associazione Genitori A.Ge Bozzolo presentano l’evento “Io clicco positivo (le parole fanno più male delle botte)” dove interverrà Paolo Picchio, papà di Carolina, morta suicida nel 2013 a seguito di atti di cyberbullismo. A Carolina è dedicata la prima legge in Europa contro il cyberbullismo. Grazie a Carolina non è più possibile banalizzare l’odio nel web come semplici ragazzate: lo ha stabilito il primo processo in Italia su cyberbullismo. A cinque anni dal suo tragico gesto nasce la Fondazione che porterà il suo nome.

La Fondazione raccoglie la sfida di Paolo Picchio, il papà di “Caro”, per aiutare i ragazzi che, sempre più in tenera età, si fanno del male tra loro usando la rete in maniera distorta e inconsapevole. Un supporto alle famiglie e alla comunità, per garantire ai genitori, agli educatori e tutti i coloro che hanno responsabilità educative, il diritto alla cura, al recupero e all’armonia alle nuove generazioni. Perché anche la dimensione digitale delle relazioni deve ritrovare una sana autenticità. Il concetto di community non può esulare dai valori che ci rendono ‘umani’.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti