Commenta

Via Verdi e via Trento,
dal 1° ottobre arriva il disco
orario: sosta fino ad un'ora

La sosta massima consentita dal 1° ottobre in via Verdi, nel tratto compreso tra via Bixio e via Trento, e in via Trento, nel tratto tra via Verdi e via Trieste, è di un’ora.
Il cartello è di un anno fa; il disco orario partirà dal 1° ottobre 2019

CASALMAGGIORE – La sperimentazione di qualche mese in via Verdi e via Trento ha dato frutto. Non soltanto con la nuova separazione del piccolo tratto ciclabile, oggi distinto dal resto della strada da piccoli dissuasori a bordo strada. Ma con la novità, che sarà introdotta con decorrenza dal 1° ottobre 2019, del disco orario. La sosta sarà cioè regolarmentata in questo modo e con tale strumento dalle ore 8 alle ore 14 durante i giorni feriali. Perché proprio in questo periodo del giorno? Perché è quello in cui, davanti al Polo Romani, si crea una folla notevole di studenti, tra quelli che entrano, di prima mattina, o quelli che escono, dopo 4-5 ore dal polo scolastico di Casalmaggiore.

“E’ la soluzione migliore a nostro avviso per migliorare il problema del traffico e della sosta incontrollata in quel punto” ha spiegato il sindaco Filippo Bongiovanni, commentando la delibera di giunta, adottata pochi giorni fa. “La finalità è quella di favorire – aggiunge Bongiovanni – le attività commerciali della zona, nella rotazione del parcheggio, e di favorire la liberazione di qualche posto auto per il ritiro dei ragazzi da scuola, oltre che di favorire i residenti che rientrano in pausa pranzo a casa nella zona”.

La sosta massima consentita dal 1° ottobre in via Verdi, nel tratto compreso tra via Bixio e via Trento, e in via Trento, nel tratto tra via Verdi e via Trieste, è di un’ora. Ricordiamo che il progetto di fattibilità tecnica ed economica era finalizzato al miglioramento della viabilità nell’area adiacente al Polo Romani di Casalmaggiore ed era stato redatto dallo studio tecnico dell’ing. Guido Favalli, incaricato dall’Amministrazione Comunale, concretizzando un’azione inserita all’interno del Piano Territoriale Orari. Un progetto con sperimentazione che compirà il prossimo ottobre esattamente un anno: il triplice tentativo, all’epoca, fu quello di istituire prima una ZTL a giorno alterni, poi un disco orario per eliminare la sosta stanziale e infine la divisione della ciclabile rispetto al resto della strada. Ora, a distanza di dodici mesi, due provvedimenti sono divenuti definitivi.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti