Politica
Commenta

M5S Lombardia. Colonnine ricarica elettrica: “dare priorità alle rapide e coordinarsi con i comuni”

Abbiamo depositato in Commissione una serie di emendamenti per aggiornare il Programma di Qualificazione e Ammodernamento della rete di distribuzione dei carburanti – dichiara Andrea Fiasconaro, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle

Nel 2030 in Italia, secondo uno studio recente, circoleranno 6 milioni di auto a basso impatto ambientale (5 milioni elettriche e 1 milione plug-in) per un totale del 15% dei veicoli complessivi. La Regione Lombardia ha già predisposto l’installazione di 270 nuove colonnine di ricarica elettrica ma in questi mesi si sta discutendo in Commissione Attività Produttive del nuovo Programma di Qualificazione e Ammodernamento della rete di distribuzione dei carburanti che dovrà soddisfare la crescente domanda di punti di ricarica per i veicoli di nuova generazione.
Secondo il Movimento 5 Stelle sarà fondamentale “distribuire le prossime colonnine in modo intelligente e strategico sul territorio”.
“Abbiamo depositato in Commissione una serie di emendamenti per aggiornare il Programma di Qualificazione e Ammodernamento della rete di distribuzione dei carburanti – dichiara Andrea Fiasconaro, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle – Durante le audizioni delle scorse settimane è emersa la necessità di rafforzare la rete di carica elettrica. Abbiamo suggerito con questi emendamenti di puntare sulle colonnine a ricarica rapida (high power) da installarsi presso altri punti vendita di carburanti”. “Le ragioni sono due: garantire un posizionamento strategico ben evidente e noto e posizionarle con criterio in modo da razionalizzare la copertura del territorio e renderla omogenea. Con questi emendamenti suggeriamo a Regione Lombardia di dare priorità alle ricariche rapide (high power) e di coordinarsi con i Comuni e gli altri enti per individuare i punti strategici di installazione delle colonnine elettriche sfruttando i punti di distribuzione già esistenti”, conclude Fiasconaro.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti