Cronaca
Commenta

Stupro dopo la serata in discoteca: confermato il carcere per gli aguzzini

Uno di questi, Raffaele Iembo, ha 23 anni ed è nato a Crotone ma risiede a Gussola. Gli altri quattro sono tutti originari di Cutro: Nicola Benigno (20 anni), Alex Benigno (19 anni), Salvatore Gaetano (19 anni) più un quinto ragazzo minorenne.

BRESCIA – E’ stata respinta dal Tribunale di Riesame di Brescia la richiesta di scarcerazione “per mancanza di gravità indiziaria” per i cinque ragazzi accusati di violenza sessuale e stupro nei confronti di una ragazza incontrata la notte del 23 giugno alla discoteca Mascara. Uno di questi, Raffaele Iembo, ha 23 anni ed è nato a Crotone ma risiede a Gussola. Gli altri quattro sono tutti originari di Cutro: Nicola Benigno (20 anni), Alex Benigno (19 anni), Salvatore Gaetano (19 anni) più un quinto ragazzo minorenne. Quattro di loro sono residenti nell’hinterland di Reggio Emilia.

L’arresto e la carcerazione erano stati disposti dal giudice Matteo Grimaldi su richiesta del pubblico ministero Lucia Lombardi. I giudici hanno confermato la decisione, respingendo il ricorso degli avvocati in attesa del processo. Da alcuni dettagli è emerso che la giovane violentata è veronese e ha 21 anni: aveva conosciuto uno dei cinque ragazzi in un altro locale, ritrovandola al Mascara. Dopo un primo abboccamento, ecco l’arrivo degli altri quattro amici. Poi l’uscita dalla discoteca mano nella mano con l’aguzzino e, in un posto lontano dal Mascara, isolato e dove non era possibile chiedere aiuto, l’arrivo degli altri quattro a bordo della Ford Fiesta con la violenza sessuale consumata.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti