Commenta

Andrea Devicenzi, arrivo a
Roma: incontro con il sindaco
Raggi e forse papa Francesco

“Si chiude tra pochi giorni un Cammino bellissimo, lungo ed impegnativo, in cui ho ricevuto tanto in termini di calore delle persone, panorami mozzafiato, città e borghi bellissimi che hanno lasciato un segno indelebile nel mio Cuore e nella mia Mente"

MARTIGNANA PO – Eccoci arrivati alle ultime 5 tappe di questo Cammino sulla Via Francigena affrontato dall’Atleta Paralimpico Andrea Devicenzi. Mercoledì 27 novembre, si parte da Viterbo per arrivare domenica 1° Dicembre a Roma dopo circa 90 chilometri.

Tutto è iniziato il 14 marzo da Aosta, con un gruppo di amici ,“un passo alla volta” (questo il motto ideato dalla sua squadra) con la sua gamba e le sue nuove stampelle KATANA de laDueDue per percorrere i 1.000 chilometri dal Passo del Gran San Bernardo a Roma, stessa meta, quella di San Pietro, dello scorso, al termine del Cammino di San Francesco.

Amputato di gamba a seguito di un incidente stradale all’età di 17 anni, Andrea ed il suo team percorre circa 22/25 chilometri al giorno, supportato da amici/che sempre al suo fianco e dai suoi sponsor storici quali Parmovo, Quixa, laDueDue, Dama Abbigliamento e Spas.

“Parola d’ordine di questo Cammino, CONDIVISIONE, che cresce al passaggio di ogni tappa, ed aperto a chiunque voglia essere al nostro fianco e per il tempo che desidera , vivendo così la propria ed unica esperienza”.

Devicenzi anche per questo Step avrà un plus non da poco; le sue nuove stampelle denominate KATANA, commercializzate dalla sua azienda laDueDue (www.laduedue.com), ideate, progettate e realizzate grazie alla sua grande passione ed alla collaborazione con aziende leader nel mondo nel proprio settore, come Bercella Compositi, Vibram ed Autotecnica.

Un progetto “lungo” 7 anni ma che ha grazie a lui finalmente visto la luce e che gli sta cambiando la vita. Come promesso da lui; “Questo cammino mi ha portato ad innalzare l’utilizzo tradizionale delle stampelle, riuscendo a capirne i limiti ed uno ad uno risolverli, per migliorare le performance degli atleti come delle persone che ne fanno un comune utilizzo. L’orgoglio è di trasformare e di evolvere una attività fisica e un’avventura, in qualcosa di ricerca che possa in futuro aiutare le persone a vivere meglio la propria vita anche utilizzando questo accessorio, dando la possibilità di percorrere percorsi che mai prima era stato loro possibile.

Nel lontano 2000 rinunciai alla protesi a causa dell’eccessivo dolore ed iniziai ad utilizzare le stampelle e tutto cambiò, in meglio ovviamente, perciò ora è arrivato il momento di mettere a disposizione di tutti la mia esperienza”.

Ancora Andrea “Si chiude tra pochi giorni un Cammino bellissimo, lungo ed impegnativo, in cui ho ricevuto tanto in termini di calore delle persone, panorami mozzafiato, città e borghi bellissimi che hanno lasciato un segno indelebile nel mio Cuore e nella mia Mente.

Quando si parte per un Cammino l’unica certezza che si ha è che si tornerà cambiati, ed anche questa volta per me, una piacevole conferma”.

A Roma Devicenzi dovrebbe incontrare il sindaco Virginia Raggi e – da promessa e salvo imprevisti – potrebbe essere ricevuto da papa Francesco.

Queste le tappe:

Mercoledì 27 – Viterbo / Vetralla

Giovedì 28 – Vetralla / Sutri

Venerdì 29 – Sutri / Campagnano di Roma

Sabato 30 _ Campagnano di Roma / La Storta

Domenica 1 Dicembre – La Storta – Roma San Pietro

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti