Ultim'ora
Commenta

Piena, animali in fuga: la
tragica fine del capriolo,
l'istinto di sopravvivenza del tasso

l giovane capriolo aveva una frattura scomposta della colonna vertebrale, causato dalla caduta nella canalina. Al veterinario non è restato altro da fare che addormentarlo per sempre

TORRICELLA DEL PIZZO/MARTIGNANA DI PO – E’ stato addormentato per evitargli ulteriori sofferenze il giovane capriolo recuperato ieri – in fuga dalla piena – nella canalina nei pressi del Consorzio Agrario a Torricella del Pizzo, probabilmente come tanti altri animali in fuga dalla piena del Po. Le operazioni di recupero erano scattate nella tarda mattinata dopo che l’animale era stato notato, dentro alla canalina, da alcuni uomini. Non camminava. Ad occuparsi del recupero la Polizia Provinciale allertata con l’ausilio di Armando Borsi di Martignana Po, non nuovo ad operazioni di salvataggio di animali selvatici. “E’ stato immobilizzato su una tavola rigida, poi l’ho trasportato a Calvatone, al CRAS ANPANA, scortato dalla Polizia Provinciale”.

Al CRAS è stato preso in consegna dall’addetta dipendente ANPANA Erica Mascherpa, che dopo averlo messo al sicuro all’interno della struttura ha attivato il servizio veterinario. Sono bastati i raggi per evidenziare quello che era un sospetto sin da principio. Il giovane capriolo aveva una frattura scomposta della colonna vertebrale, causato dalla caduta nella canalina. Al veterinario non è restato altro da fare che addormentarlo per sempre.

Miglior sorte, almeno al momento, ha avuto il tasso sorpreso ieri pomeriggio in golena tra Martignana e Gussola. Si era arrampicato, per sfuggire alla furia delle acque, sui rami di una pianta e così è stato trovato durante il giro di perlustrazione del tratto golenale tra l’arginello comprensoriale di Santa Maria e il fiume, area interessata dalla piena.

Segnalazione di animali in fuga ci sono arrivate ieri anche da altri comuni: Viadana (caprioli), Motta Baluffi (cinghiali), Agoiolo di Casalmaggiore (caprioli), Fossacaprara (volpi e lepri). Sono animali spaventati e fuori dal loro ambiente di riferimento. Le autorità invitano a prestare la massima attenzione lungo le strade, comunali e provinciali, per evitare incidenti.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti