Commenta

Casalmaggiore, in 300 alla
Maratonina benefica di Santa
Lucia. Vince Rossi da Noceto

Lo scopo della Maratonina di Santa Lucia, infatti, da 19 anni a questa parte è quello di raccogliere fondi per l’ospedale Oglio Po di Vicomoscano e per supportarne le esigenze: per questo l’iscrizione costava 5 euro, più offerta libera eventuale.

CASALMAGGIORE – E’ Francesco Maria Rossi, della Casone Noceto, che ha chiuso in 1 ora 18 minuti e 18 secondi, il vincitore della 19esima edizione della Maratonina di Santa Lucia a Casalmaggiore. Ma per una volta la classifica è l’ultima cosa che conta. A Casalmaggiore, da tradizione, si è corsa domenica mattina l’iniziativa benefica divisa in tre percorsi – lontani dalla golena stante la recente piena del Po che avrebbe reso difficile il percorso – il primo da 5 km, il secondo da 14, il terzo da 21, e quest’ultimo era anche l’unico agonistico.

L’iniziativa collaterale “Corri con il tuo cane” non era ufficialmente prevista quest’anno, ma gli amici a quattro zampe non sono mancati, né sul percorso breve né su quello mediano. L’organizzazione dell’Atletica Interflumina, con Carlo Stassano e Marco Falchetti, ha consegnato a Igor Piazza, consigliere con delega allo Sport, l’onore di dare il via alle danze, alle ore 10 da piazza Garibaldi, luogo di partenza e pure di arrivo. Via via che gli atleti e i podisti – davvero di ogni età e con una rappresentanza significativa dei ragazzi della Cooperativa Santa Federici – sono giunti al traguardo, ciascuno di loro ha potuto ritirare un pacco gara premio messo a disposizione dagli sponsor, per lo più del settore alimentare e degli integratori sportivi, prima della doccia e del cambio presso la vicina palestra Marconi, che è stato anche luogo di iscrizione.

Tra gli organizzatori e i sostenitori, oltre all’Interflumina, gli istituti scolastici Diotti, Marconi e Romani di Casalmaggiore e Dedalo 2000 di Gussola, Pro Loco Casalmaggiore, Centro Sociale Primavera, Croce Rossa, Afm Casalmaggiore, Canottieri Eridanea e Amici del Po, Protezione Civile “Il Grande Fiume” e Amici dei Carabinieri. La Polizia Locale e Avis Pedale Casalasco hanno dato una mano a garantire assistenza e sicurezza durante la corsa.

In totale sono stati 300 circa i partecipanti divisi tra i pettorali nero (percorso breve da 5 km), verde (percorso mediano da 14 km) e rosso (percorso lungo da 21 km), anche se non tutti hanno corso, limitandosi a versare un’offerta. Lo scopo della Maratonina di Santa Lucia, infatti, da 19 anni a questa parte è quello di raccogliere fondi per l’ospedale Oglio Po di Vicomoscano e per supportarne le esigenze: per questo l’iscrizione costava 5 euro, più offerta libera eventuale; e per questo assieme a tanti cittadini giunti pure da fuori città, hanno preso parte all’evento sia Simone Raineri, campione di canottaggio sul percorso più lungo, sia il sindaco Filippo Bongiovanni, nella camminata simbolica da 5 km.

Il percorso più corto ha attraversato il centro storico di Casalmaggiore e l’argine maestro. Quello di 14 km invece ha toccato il centro abitato di Agoiolo, spingendosi fino all’argine maestro di Martignana (alla chiesetta di San Serafino). Quello più lungo ha toccato Gussola attraversando il suo centro abitato. A Martignana e Gussola i volontari hanno dato una mano allestendo i punti ristoro per l’intera durata del percorso (e già molto prima del via, per non farsi trovare impreparati), con protagonisti il sindaco Alessandro Gozzi e alcuni consiglieri comunali nel primo comune e i consiglieri Anna Caterina Quarenghi e Gian Carla Bosoni e la locale Protezione Civile a Gussola.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti