Ultim'ora
Commenta

Viadana, Gruppo Saviola
scelta come impresa modello
per il passaggio generazionale

Il Gruppo Saviola è stato indicato come modello tra le realtà imprenditoriali italiane attraverso una cerimonia che si è svolta venerdì sera a Milano alla presenza di molti imprenditori italiani.

MILANO/VIADANA – Un riconoscimento importante per il Gruppo Saviola per la capacità, l’attenzione e la dedizione nel proseguire e valorizzare il lavoro dei propri genitori subentrando alla guida operativa e strategica dell’impresa, garantendone il successo e la continuità. L’azienda è stata selezionata nell’ambito ‘Di padre in figlio. Il gusto di fare impresa’ IX Edizione 2019, evento organizzato da CERIF, il Centro di Ricerca sulle Imprese di Famiglia dell’Università Cattolica. Il Gruppo Saviola è stato indicato come modello tra le realtà imprenditoriali italiane attraverso una cerimonia che si è svolta venerdì sera a Milano alla presenza di molti imprenditori italiani.

“Il passaggio generazionale all’interno delle aziende è certamente un momento particolarmente delicato e mi fa piacere che il caso aziendale del Gruppo Saviola sia stato preso in esame da Cerif – ha sottolineato il Presidente del Gruppo Alessandro Saviola –. È stata un’occasione per ripercorrere la storia e l’evoluzione del nostro Gruppo in questi anni è stato oggetto di una grande trasformazione, ricordando la figura di mio padre che ha fondato l’azienda nel 1963 e mi ha insegnato tutto, in particolare la dedizione per questo lavoro. Mi ha fatto anche piacere che nel contesto del premio sia stata evidenziata come carta vincente l’innovativo processo di economia circolare che caratterizza la nostra produzione e l’attenzione aziendale al tema dell’ecologia e della sostenibilità. In questi anni abbiamo affrontato una grande evoluzione che ci ha permesso di guardare al futuro, seguendo le trasformazioni in atto, attraverso una gestione sempre più manageriale come le grandi aziende che competono non solo nel nostro paese, ma anche a livello internazionale”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti