Commenta

Andrea Devicenzi protagonista
al Lions Club Viadana
nell'ultima conviviale

"Andrea, il nostro relatore - ha spiegato Manfredi - ha dichiarato in diverse occasioni che attraverso l’aiuto della famiglia e attraverso le attività sportive è riuscito a superare il suo momento complicato ed ora sta restituendo alla società un esempio positivo".

VIADANA – Andrea Devicenzi, campione paralimpico di Martignana di Po reduce dall’avventura della Via Francigena, è stato l’ospite d’onore al Lions Club di Viadana nell’ultima conviviale, raccontando le sue esperienze e cercando di offrire nuovi stimoli a chi sembra averli persi, a livello sportivo, ma soprattutto nella vita. Dalla serata è emerso che il volontariato non è solo un’attività di aiuto gratuito e spontaneo verso persone in condizioni di indigenza ma riguarda anche tutte quelle azioni che favoriscono la crescita sociale in modo responsabile e che indirettamente interessano il bene comune. Nelle associazioni sportive numerosi sono colore che compiono le più svariate mansioni gratuitamente e sono fondamentali per il sostentamento delle attività, per la valorizzazione delle strutture pubbliche e per il mantenimento del servizio collettivo. Il volontariato si esprime a 360 gradi, in modi diversi e funge da comune denominatore nei diversi settori agevolando le relazioni per progettare programmi comuni.

“A dimostrazione di ciò – ha commentato il presidente del club organizzatore Christian Manfredi – il Lions Club Viadana-Oglio Po alcuni mesi fa ha contattato l’Atletica Viadana e da questa nuova relazione è nato un percorso condiviso: desidero ringraziare, a nome del Club, l’associazione sportiva per aver sostenuto il nostro progetto “Corro per te….che mi guardi” e già dai prossimi eventi sportivi organizzati dall’Atletica Viadana, il nostro Club potrà affiancarsi per raccogliere fondi a favore dei nostri progetti come “l’adozione di un ricercatore per la sindrome di Rett” ed altri progetti rivolti a tutti coloro che non possono camminare/correre e che sperano nell’impegno di tutti noi per avere una vita meno difficile. Mettiamo quindi in relazione Sport e Volontariato per trasmettere messaggi positivi: attraverso le attività sportive le persone si manifestano, si conoscono, si esprimono e in diversi casi emergono: in Uganda il nostro club gemellato ogni anno organizza una mezza maratona dove molti giovani partecipano per mettersi in evidenza e per tentare di evadere dalle difficili situazioni sociali del Paese”.

“Anche Andrea, il nostro relatore – ha spiegato Manfredi – ha dichiarato in diverse occasioni che attraverso l’aiuto della famiglia e attraverso le attività sportive è riuscito a superare il suo momento complicato ed ora sta restituendo alla società, tramite il suo percorso e la sua testimonianza, un esempio positivo invitando tutti noi a guardare oltre l’ostacolo. Non perdiamo l’occasione per metterci in relazione: il Lions Club Viadana Oglio Po invita le associazioni sportive, nessuna esclusa, a definire con la consulta del volontariato di Viadana – la grande famiglia del volontariato – una convenzione a sostegno dell’aiuto collettivo, della ricerca sociale e per progettare programmi in comune con scuole, istituzioni ed altre associazioni del territorio. Il Lions club Viadana Oglio Po rimane a disposizione per affrontare percorsi condivisi e per sostenere le iniziative dove il desiderio di “condivisione” è l’ingrediente principale nella consapevolezza che attraverso la programmazione, l’impegno e l’unità d’intenti i risultati arrivano e gli obbiettivi si raggiungono”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti