Ultim'ora
Commenta

Viadana Plastic Free,
il taglio del nastro alla scuola
Vanoni per una nuova era

"Un ringraziamento davvero particolare all'Immergas, ai dirigenti scolastici ed agli uffici comunali che hanno seguito e fatto in modo che questo progetto si concretizzasse. Il ringraziamento però più sentito va agli alunni, ai bambini e ragazzi" ha detto Cavallari.

VIADANA – Mercoledì pomeriggio presso la scuola Vanoni di Viadana, in collaborazione con Immergas, rappresentata dal Dir. Marketing e comunicazione Ettore Bergamaschi, con il pieno sostegno di tutti dirigenti scolastici: Simone Madonna, Mariella Ceccarelli e Sandra Soliani, con la presenza degli Assistenti Civici e la Polizia Locale il comune ha dato inizio all’importantissimo progetto Plastic free.

“Alle soglie del 2020 – ha detto Alessandro Cavallari, sindaco facente funzioni – non è possibile purtroppo immaginare un mondo senza plastica. La plastica è stata un’invenzione preziosa che ha semplificato la nostra vita, ha semplificato l’industria ed il commercio ed ha semplificato le abitudini di tutti noi. Ma proprio perché così comoda e proprio per le sue più svariate destinazioni, l’essere umano ha abusato sia dell’utilizzo della plastica divenuto colpevolmente usa e getta e sia della scorretta gestione del fine vita di questo materiale. Questa cattiva gestione ha portato laghi, fiumi, mari ed in generale tutto l’ambiente in cui viviamo ad essere invaso da rifiuti in plastica con conseguenze disastrose delle quali purtroppo non conosciamo ancora la totale portata negativa”.

“Ora per fermare questa tendenza – ha riferito Cavallari – occorre procedere per gradi riducendone il consumo, sostituendola laddove esistono valide e più sostenibili alternative e nel caso non se ne possa proprio a fare a meno, smaltendola correttamente attraverso la raccolta differenziata ad i corretti riciclo e reimpiego. Il Comune di Viadana nel suo piccolo sta provando a mettere in campo alcune valide soluzioni nell’ambito del progetto Viadana Plastica Free. Come primo passo abbiamo provveduto all’installazione di alcune casette dell’acqua: la casetta dell’acqua di Via Marconi per i cittadini di Viadana, realizzata grazie al gestore del servizio di igiene ambientale SESA SPA; la casetta dell’acqua di San Matteo per i cittadini delle frazioni nord e la Casetta dell’acqua di Cicognara, di prossima installazione, per i cittadini delle frazioni sud, entrambe realizzate grazie ai fondi ricevuti con i contributi A.T.O”.

“Sempre in collaborazione con SESA SPA – ha fatto il punto Cavallari – sono stati installati 8 eco – compattatori negli edifici comunali dove gli utenti del servizio possono conferire le proprie bottigliette in plastica e lattine e raccogliere gli eco punti per eventuali riduzioni sulla tassa rifiuti e negli edifici scolastici dove gli alunni possono correttamente conferire bottigliette e lattine utilizzate negli orari scolastici, con finalità di educazione ambientale rivolte ad insegnare il corretto smaltimento dei materiali. Tuttavia lo scopo che ci si prefigge per gli istituti scolastici è ancora più ambizioso ed è quello di eliminare del tutto la plastica nelle scuole. Quest’idea dell’amministrazione viadanese è stata prontamente abbracciata da una importante azienda del territorio limitrofo ma che ha molto a cuore sia l’ambiente in cui viviamo che i cittadini viadanesi, visto che molti di essi fanno parte della loro importante famiglia aziendale: Immergas Spa di Lentigione / Brescello”.

Il programma di educazione ambientale “Energie per la scuola” promosso da Immergas SpA si inserisce nel protocollo che ha sottoscritto con il MIUR, il Ministero dell’Università e della Ricerca mirato a diffondere tra gli alunni delle scuole elementari e medie le buone pratiche che si possono promuovere in tema di sostenibilità e rispetto per l’ambiente, programma che in pochi anni ha interessato 6000 alunni e che approda per la prima volta in Lombardia con Viadana. A Viadana questo programma si è concretizzato nella fornitura gratuita di 1.800 borracce di alluminio sponsorizzate da Immergas a tutti gli alunni degli Istituti Scolastici Parazzi, Vanoni di Viadana e G. Govi di San Matteo delle Chiaviche, ed è preordinato alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente, mediante la limitazione dell’uso della plastica, pensate che solo in anno scolastico degli istituti Viadanesi sarà possibile eliminare circa 280.000 bottigliette di plastica, un piccolo ma importantissimo contributo per cercare di migliorare l’ambiente che ci circonda e che lasceremo ai nostri figli.

“Il Comune di Viadana, oltre ad offrire il proprio patrocinio – ha ricordato Cavallari – sta provvedendo all’installazione di n. 6 fontanelle, dalle quali gli alunni potranno rifornirsi di acqua potabile allo scopo di eliminare l’utilizzo delle bottigliette in plastica. L’acquisto degli erogatori è stato finanziato con le maggiori entrate derivanti dall’attività di accertamento dell’evasione Tari – Tassa Rifiuti, creando un ottimo connubio tra tutela ambientale e lotta all’evasione fiscale. La prima fontanella funzionante è già stata istallata all’interno dell’istituto Vanoni ed inaugurata proprio nel corso della cerimonia di distribuzione delle borracce di mercoledì”.

“Riteniamo che sensibilizzare i bambini e ragazzi al rispetto dell’ambiente e alle buone pratiche quotidiane – ha concluso Cavallari – coinvolgendo di conseguenza anche i famigliari, sia il viatico importantissimo per avere poi adulti coscienti e partecipi verso salvaguardia dell’ambiente, tra l’altro questi progetto “green” sarà il focus della partecipazione di Immergas alla fiera MCE Expocomfort nel marzo 2020. Un ringraziamento davvero particolare all’Immergas, ai dirigenti scolastici ed agli uffici comunali che hanno seguito e fatto in modo che questo progetto si concretizzasse. Il ringraziamento però più sentito va agli alunni, ai bambini e ragazzi che ci hanno accolto e seguito mercoledì che con i loro sorrisi, il loro interessamento e apprezzamento ci fanno davvero sperare in un futuro migliore”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti