Un commento

Cavallari risponde al PD
viadanese: "Lasciamo un comune
migliore di quello che abbiamo trovato"

Vogliamo ricordare che tra le prime grane che abbiamo dovuto sistemare è stata la patata bollente della liquidazione della Stu, partecipata al 100% del comune che era indebitata per più di 4.000.000€ e generava perdite per l'ente di circa 1000€ al giorno

VIADANA – Risponde Alessandro Cavallari, sindaco di Viadana, alle polemiche innescate dal PD locale sull’inefficenza dell’amministrazione in carica. E lo fa con tono deciso.

“Ricordiamo ai consiglieri Comunali del pd che quando nel 2015 siamo arrivati il debito pubblico dell’ente ammontava a 13.820.000€ mentre nel 2019 è sceso a 8.896.000€. Vogliamo ricordare che tra le prime grane che abbiamo dovuto sistemare è stata la patata bollente della liquidazione della Stu, partecipata al 100% del comune che era indebitata per più di 4.000.000€ e generava perdite per l’ente di circa 1000€ al giorno, senza parlare poi dei contenziosi Italgas e Coevit che sono ancora in essere.

Il palazzetto che abbiamo ricostruito per metà, non senza difficoltà, è stata un’altra eredità pesante, sono ripartiti i lavori questa settimana e va ricordato che solo una quota dei costi è a carico dell’ente Viadanese mentre il restante proviene dalla Regione e dall’assicurazione.

Il servizio rifiuti che è stato affidato tramite gara, ha generato uno sconto sulla bolletta sul 12% aumentando i servizi tra i quali ad esempio l’incremento della pulizia delle calitoie stradali, più passaggi delle spazzatrici, installazione di una delle casette dell’acqua, apertura al pubblico dell’ufficio informazioni di Via Roma, l’ammodernamento della piazzola ecologica ormai quasi totalmente completato con annessa istituzione del mercatino del riuso solo per citarne qualcuno. Ricordiamo la conversione totale dell’illuminazione pubblica di tutte le lampade sul territorio, addirittura alcune delle quali ancora a mercurio, con le moderne ed a basso consumo Led che garantiscono un risparmio intorno al 65% di energia, sempre parlando di illuminazione pubblica ricordiamo anche il nuovo impianto all’ingresso di San Matteo verso l’argine.

I soldi impegnati per le manutenzioni stradali non sono mai stati così tanti come negli ultimi 4 anni e cosa importante, non è stato indebitato l’ente per questo capitolo, come invece avveniva in passato.
I numeri e le cifre sono consultabili da tutti.

Gli accessi al MuVi sono di parecchio aumentati anche grazie alla diminuzione delle tariffe della sala Saviola che ha fatto rientrare associazioni culturali costrette prima a migrare dal centro e le stesse hanno goduto anche di nuove sedi utilizzabili in concessione dal comune.

Gli eventi culturali sono all’ordine del giorno anche per merito dei volontari che non ci stanchiamo mai di ringraziare, l’assessorato di suo ha organizzato eventi che hanno coinvolto migliaia di persone.
Per quel che riguarda la sicurezza oltre ad aver vinto numerosi bandi che ci hanno permesso di ottenere finanziamenti per incrementare gli equipaggiamenti della Polizia Locale, è stato possibile anche procedere con l’ampliamento e ammodernamento del sistema di videosorveglianza.

I soldi investiti nell’edilizia scolastica sono quantificabili in diverse centinaia di migliaia di euro e gli uffici comunali monitorano costantemente la situazione dei plessi. Per quanto riguarda il pgt sono state portate a termine le fasi preliminari e le stesure delle Valutazioni Ambientali Strategiche e sono previsti i nuovi passaggi per portare avanti l’iter. Tanto è stato fatto, tanto sicuramente cé ancora da fare ma siamo sempre più convinti che lasciamo un ente migliore di come l’abbiamo trovato, non certo nelle condizioni critiche in cui lo avevamo ereditato”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roberto Rossi

    Francamente non ho mai visto alcuna giunta uscente dichiarare “abbiamo lasciato un Comune peggiore di quello che abbiamo trovato”.