Commenta

Si è spento Giuseppe Tumino,
fu l'ultimo cancelliere in
Pretura a Casalmaggiore

Con Giuseppe Tumino si spegne un'epoca, gli amici cari si erano spenti anni fa: l'amico fondatore di Padania Alimenti Primo Ferrari nel 2017, l'avvocato Antonino Primerano tre anni prima

CASALMAGGIORE – Si è spento, dopo una breve quanto implacabile malattia, a 87 anni Giuseppe Tumino. Siciliano di origine (era nato a Marina di Ragusa il 27 marzo del 1932, 1° di sette fratelli) era arrivato a Casalmaggiore nel 1959 dopo aver vinto il concorso per ricoprire il ruolo di cancelliere nella Pretura che era ubicata nell’attuale sede della Polizia Municipale. Aveva ricoperto la carica sino alla chiusura della Pretura stessa. Ricoprì lo stesso ruolo in Pretura a Parma, fu poi giudice di Pace e coordinatore dei giudici di Pace, oltre a far parte della commissione tributaria, sino al 2007, anno del pensionamento.

Si era integrato subito, uomo di Sicilia nato a pochi passi dal mare, a Casalmaggiore, ed aveva fatto subito amicizia con tante persone. Era di carattere così. Si era sposato nel 1964. Tra gli amici di più lunga data c’erano l’avvocato Antonino Primerano e Primo Ferrari. Era un socio storico della Canottieri Eridanea, della quale era stato sindaco. Amante dello sport che aveva praticato sino a che le forze glielo avevano consentito (sci, tennis, nuoto, remi) era rimasto legato alla sua Sicilia e alla sua Ragusa, dove tornava una volta all’anno per due o tre mesi da quando era andato in pensione.

Con Giuseppe Tumino si spegne un’epoca, gli amici cari si erano spenti anni fa: l’amico fondatore di Padania Alimenti Primo Ferrari nel 2017, l’avvocato Antonino Primerano tre anni prima. Giuseppe Tumino lascia la moglie Renata, i figli Stefania, Nicoletta e Giovanni. Oggi alle 15, con partenza dalla camera mortuaria dell’Oglio Po i funerali che verranno celebrati nella chiesa di San Francesco. La salma verrà poi tumulata nel cimitero di Casalmaggiore.

I familiari ringraziano il dottor Alessandro Tei e l’associazione ‘Gli Sherpa’ per le cure prestate.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti