Commenta

Insieme per l'Atletica, il movimento
lancia la corsa alle elezioni
Fidal da San Giovanni in Croce

Introdotto da Stassano, che ha richiamato un passaggio di don Primo Mazzolari sull’importanza dell’impegno di ciascuno, “Insieme per l’Atletica - Oltre la Passione” ha un punto cardine iniziale: mettere al centro le società di base. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

SAN GIOVANNI IN CROCE – La rivoluzione per il mondo dell’atletica leggera è partita dal Casalasco: o almeno è questa la speranza di Carlo Stassano, presidente Interflumina, e dei tanti volonterosi, tra cui spiccano figure di primissimo piano nel panorama nazionale della regina delle discipline sportive, che prenderanno parte dopo le Olimpiadi di Tokyo – nel periodo di ottobre-novembre – alle elezioni per il rinnovo delle cariche Fidal, dopo il doppio mandato di Alfio Giomi, ora in scadenza.

A Cà Rossa, la locanda di San Giovanni in Croce, Stassano ha fatto da padrone di casa accogliendo una quarantina di dirigenti per discutere dei punti programmatici di un documento che, dopo altri otto incontri, sta prendendo forma. La volontà è di presentarsi alle elezioni con idee chiare, mettendo davanti queste ultime ai nominativi di candidato presidente e candidati consiglieri, che infatti ancora non ci sono.

Introdotto da Stassano, che ha richiamato un passaggio di don Primo Mazzolari sull’importanza dell’impegno di ciascuno, l’incontro di “Insieme per l’Atletica – Oltre la Passione” (questo il nome del movimento) ha visto al lavoro sabato sei gruppi e ha avuto un punto cardine iniziale: mettere al centro le società di base, ripartendo dunque dal basso. Tra i fondatori spiccano Maurizio Damilano, campione olimpico della marcia, Gianni Mauri, presidente della Fidal Lombardia, i consiglieri federali Dino Ponchio ed Elio De Anna, Fabio Martelli, comandante del gruppo sportivo dell’Esercito di Roma, e Achille Ventura, presidente dell’Atletica Bergamo.

I sei gruppi di lavoro – che a San Giovanni si sono dati da fare per l’intero pomeriggio e sera di sabato, trattando le tematiche del Modello organizzativo federale, delle Attività, dell’Organizzazione tecnica, della Competition department, di Immagine e sviluppo, dei Rapporti Internazionali – si ritroveranno l’8 febbraio ad Ancona e poi il 15 marzo a Campi Bisenzio, Firenze, per approfondire ulteriormente le questioni. Tra le più interessanti quelle relative alla “certificazione di qualità” delle società affiliate, la ristrutturazione delle manifestazioni del settore giovanile, le modalità interattive della “formazione”, la semplificazione dei regolamenti e dei calendari, le problematiche relative alla gestione dell’impiantistica sportiva, la riorganizzazione del bilancio federale, l’istituzione di un vero “competition department”. Per tutti questi punti le basi per la lunga maratona, che arriverà a fine 2020, sono state poste nel Casalasco.

Di seguito ecco i gruppi i lavoro costituiti:
Modello Organizzativo Federale:
Coordinatore: Ivo Marco
Vice-Coord.ri.: Anna Rita Balzani – Mattia Picello

Modello Organizzativo delle Attività:
Coordinatore: Alessandra Palombo
Vice-Coord.ri: Roberto De Benedictis – Sergio Lai

Modello Organizzativo Tecnico:
Coordinatore: Piero Incalza
Vice-Coord.ri: Gino Carrozza – Gianni Mauri

Competition Department:
Coordinatore: Carlo Giordani
Vice-Coord.ri: Gerardo Vaiani Lisi – Antonio Petino

Immagine e Sviluppo:
Coordinatore: Roberto Goffi
Vice-Coord.ri: Sebastiano Scuderi – Annelise Knoll

Rapporti Internazionali e Istituzionali:
Coordinatore: Elio De Anna
Vice-Coord.ri: Carlo Giordani – Guido Pettarin

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti