Commenta

Raddoppio Mi-Cr-Mn, Comune,
Provincia e Camera di Commercio
scrivono a ferrovie e Ministero

“Consapevoli dello sforzo immane che anche voi avete fatto e state compiendo permetteteci questa considerazione: dopo quanto successo, soprattutto e tragicamente qui da noi, trascurare questo territorio negli investimenti attesi da tanti anni e ora vitali significherebbe ucciderlo".

Comune, Provincia e Camera di Commercio di Cremona, “facendosi interpreti delle istanze dei cittadini e di tutte le realtà economiche locali”, hanno più volte “sollecitato che venisse rivisto e accelerato il piano degli investimenti nel comparto dell’area Nord-Est per la parte del sud Lombardia”, area che vede la nostra città al centro di uno snodo che, se potenziato, attiverebbe tutto il territorio sulle direttrici Mantova-Cremona-Milano, Cremona-Piacenza e Cremona-Brescia.

Ora, il Sindaco Gianluca Galimberti, il Presidente della Provincia Mirko Signoroni e Giandomenico Auricchio, Presidente della Camera di Commercio di Cremona, alla luce dell’attivazione dell’importante piano di investimenti messo in campo già a partire dai prossimi mesi, ma nel quale non appare essere coinvolto il nostro territorio, sollecitano innanzitutto di accelerare il raddoppio della linea Mantova-Cremona-Milano.

Lo fanno in una nota congiunta inviata a Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., a Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RFI Rete Ferroviaria Italiana, e, per conoscenza, alla Minsitra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.  Oltre al raddoppio della linea Mantova-Cremona-Milano, i firmatari sottolineano che è “esssenziale continuare il finanziamento e iniziare l’opera anche per il tratto Piadena-Cremona-Codogno”. Altrettanto “essenziale è da ritenersi la riattivazione del trasporto, anche passeggeri, sulla Cremona-Piacenza”. Viene chiesto, con la stessa urgenza, di inserire nella programmazione a breve termine gli interventi necessari di ammodernamento delle linee Cremona-Brescia / Crema-Treviglio-Milano / Cremona-Olmeneta.

Il Sindaco Gianluca Galimberti, il Presidente Mirko Signoroni e il Presidente della Camera di Commercio Giandomenico Auricchio, “consapevoli di interloquire con uno dei maggiori gruppi italiani con capacità di investimenti realmente in grado di sostenere il nostro Paese in questa nuova difficile transizione economica, auspicano che venga ascoltata la voce di un’area che è la più duramente colpita insieme a poche altre province lombarde, ma pronta a lavorare per la ripresa e per una nuova valorizzazione del suo territorio”.

“Attività produttive, commercio, turismo e cittadini del cremonese chiedono da anni attenzione ed investimenti per un miglioramento della mobilità su ferro, investimenti che oggi fanno la differenza affinché la nostra economia ricominci a camminare. Il dolore vissuto e che ancora ci coinvolge, ma anche la forza e la capacità dimostrata nel gestire questo dramma senza precedenti rendono indispensabile avere definitivamente risposte”, scrivono a tale proposito Galimberti, Signoroni e Auricchio.

“Consapevoli dello sforzo immane che anche voi avete fatto e state compiendo permetteteci questa considerazione: dopo quanto successo, soprattutto e tragicamente qui da noi, trascurare questo territorio negli investimenti attesi da tanti anni e ora vitali significherebbe ucciderlo. Noi resistiamo e lottiamo con idee e progetti, ma senza questi investimenti strutturali il rilancio, è chiarissimo ed evidente, sarà impossibile. Confidiamo in una vostra risposta positiva per la vita delle nostre imprese, dei nostri cittadini, delle nostre città. Per una rinascita possibile e di futuro”, si conclude la lettera congiunta.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti